“Gli insegnanti non possono dare valutazioni negative. Fortissime pressioni per far diventare alla fine i 4 in 6”. L’affondo di Ricolfi

WhatsApp
Telegram

“Il vero problema che rovina la vita degli insegnanti è l’impossibilità di dare delle valutazioni negative, quando sono meritate. Al massimo si può dare qualche insufficienza durante l’anno, ma poi quando arriva il momento di decidere chi continua e chi no, le pressioni per trasformare i 4 in 6, anche quando le insufficienze sono molte, sono fortissime”.

Lo ha detto il sociologo dell’Università di Torino Luca Ricolfi, intervenuto a Timeline su Rai3, in cui ha parlato dei problemi “noti” della scuola.

Si parte dal concetto di merito: “Se un ragazzo va male a scuola ed è di ceto alto, la famiglia ha 1000 modi di sostenerlo ugualmente, con le ripetizioni private, con il patrimonio familiare che aiuta quando si immettono nel mercato del lavoro e anche con il sistema delle conoscenze dei genitori. Il ragazzo di ceto popolare quali armi ha? Nessuna di queste. Ha solo un’arma, la preparazione. Ma se tu hai deciso di abbassare il livello, hai disarmato chi non ha possibilità economiche. Si pensa che l’abbassamento del livello aiuti i ceti più bassi, invece li danneggia”, dice Ricolfi.

Secondo il sociologo “ci possono essere due antidoti a tutto questo: distinguere i capaci e i meritevoli da quelli che non lo sono. I primi devono essere sostenuti quando sono privi di mezzi, e ciò dalle scuole superiori all’università. I ragazzi che hanno difficoltà a scuola, qualsiasi sia il ceto, hanno bisogno di supporto personalizzato anche nel pomeriggio con il ‘pieno tempo’, come diceva Don Bosco, con docenti che li seguono”.

Non poteva mancare il riferimento al rapporto genitori-scuola: “Posso dire che da circa 25 anni i genitori hanno aderito a questo atteggiamento verso la scuola, di trasformarsi in sindacalisti dei loro figli. Però non ci sono solo i genitori che vanno a protestare dal preside, c’è una cosa molto più preoccupante per l’insegnante, l’incubo del ricorso”.

“Tu insegnante – conclude Ricolfi – sai benissimo che se quello lì che è insufficiente in 4 materie viene bocciato, può esserci un ricorso. E magari trovano un cavillo nel registro che permette di respingere la decisione”.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri