Al Sud le lezioni terminano alle 11.30 perchè non sono stati ancora nominati i supplenti

Di Lalla
WhatsApp
Telegram

Orario ridotto per gli studenti di molte province del Sud (ci viene segnalato in particolare per la Sicilia) che non hanno ancora provveduto alla nomina dei supplenti, in alcuni casi neanche da graduatorie ad esaurimento.

Orario ridotto per gli studenti di molte province del Sud (ci viene segnalato in particolare per la Sicilia) che non hanno ancora provveduto alla nomina dei supplenti, in alcuni casi neanche da graduatorie ad esaurimento.

Il ritardo causato dalle operazioni relative ad utilizzazioni e assegnazioni provvisorie ha pesato di più rispetto alle procedure delle immissioni in ruolo e rallentato notevolmente le operazioni successive, di attribuzione degli incarichi al 31 agosto e 30 giugno tramite lo scorrimento delle graduatorie ad esaurimento prima e le graduatorie di istituto poi (in alcune province non sono state pubblicate neanche in via provvisoria Avvisi Uffici Scolastici)

Segui su Facebook le news della scuola e partecipa alle conversazioni. Siamo in 138mila

Conseguenze di natura didattica. Le lezioni sono state ormai avviate in tutte le regioni e le singole scuole fanno i conti con "i buchi" in organico. Supplenze? Non ci sono i soldi, le scuole non azzardano l’anticipo di somme già a settembre, dati i precedenti. E quindi l’unica soluzione è quella di strutturare un orario che tenga conto degli insegnanti a disposizione. L’italiano, la matematica, il diritto si studieranno quando si troverà l’insegnante – questo il messaggio che inevitabilmente arriva alle famiglie. E non si pensi che quindici giorni o un mese in meno di lezione non abbia i suoi effetti sul processo di apprendimento.

Conseguenze di natura economica. A parte la "protezione" dell’indennità di disoccupazione, i supplenti percepiranno lo stipendio a partire dal giorno della nomina. Quindi, verosimilmente si è già verificata la perdita di circa un mese di retribuzione.

E dunque, mentre gli alunni vengono mandati via anticipatamente da scuola, gli insegnanti stanno a guardare, in attesa che gli uffici completino le operazioni. Da parte ministeriale nessun sollecito alle amministrazioni. E’ stato chiesto al Ministro se fosse al corrente della situazione delle nomine in ritardo, la risposta "situazione non più critica degli anni precedenti ". Adesso sì, siamo tranquilli. Graduatorie di istituto: ritardi segreterie. Giannini: situazione simile agli anni precedenti

WhatsApp
Telegram

Concorso docenti 2024/25, bando a novembre: cosa studiare e come prepararsi. Webinar Eurosofia di presentazione il 26 luglio ore 17.00