Ai maturandi dico: Studiate per un sogno collettivo e non per il voto! Lettera

ex

Inviato da Rosaria Scaraia – I ragazzi della maturità , mi spiace che nel tempo la scuola sia diventata una “scatola nera ” e inutile, io a scuola sono diventata quel che sono ,certo poca cosa .

Ho scoperto le parole e ho imparato a costruire il dialogo , prima con me stessa e poi come risorsa di democrazia .

Ho capito che le emozioni mi avrebbero distrutta se non avessi appreso i sentimenti e se non avessi incontrato la letteratura . Mi sarei persa se non avessi incontrato la filosofia …non la storia della filosofia che è il primo passo per sapere ma le risposte ai miei perché ? Da bambina avevo ricevuto come dono I quindici , l’enciclopedia per i curiosi della mia età ( memoria) poca cosa al confronto con le prime fiabe che erano i miti greci .

La mitologia come verità, quante volte mi sono bendata per capire la schiavitù della ignoranza e ho provato , cadendo e rialzandomi , ad uscire dalla mia caverna .

Che noia mi dicevo sentirsi dire come mantra a scuola devi imparare il metodo di studio ed ecco le invenzioni paradossali dei riassunti distratti oggi le sofisticate e elaborate mappe che di cognitivo hanno poco. E tante altre volte sono stata redarguita sulle mie letture a scuola i tempi sono diversi tu scopri Pasolini e te ne invaghisci e tra i banchi la Gerusalemme liberata di Tasso e si capisce il dolore del tempo e del metodo contro le passioni.

La mia maturità è stata bella nonostante e bella perché è a scuola che ho incontrato il Pensiero quello colto ed eterno non quello sciatto e poco libero dei blog . Ho imparato il valore terapeutico della scrittura , non il copia e incolla .

Oggi c’è il mondo in un clic e manca il desiderio di essere quel clic …ho paura , stiamo distruggendo il tempio sacro della democrazia che è la scuola . E nella mente ,il ponte levatoio costruito con i cartoni in terza elementare , e la maestra che legge mondi che ho scoperto da sola e faccio il lavoro più bello del mondo , forse e ancora , nonostante l’eccessiva burocratizzazione e la stanchezza nel riempire schede , registri e moduli che certificano che tutto va bene formalmente mentre tutto crolla e l’ignoranza domina a scuola e nella società .

Che triste ! Ai maturandi il mio augurio , studiate non per il voto ma per un sogno e un progetto che sia anche collettivo . Aspettando questa surreale maturità , in bocca al lupo .

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia