AgroInnovation EDU, al via progetto USR Emilia Romagna-Rete Istituti Agrari

di redazione
ipsef

item-thumbnail

comunicato USR Emilia Romagna – “Dalla scuola al campo, coltiviamo innovazione”: questo il cuore di AgroInnovation EDU di Image Line. Grazie alla firma del Protocollo di Intesa con l’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia-Romagna e la Rete degli Istituti Agrari, che da subito hanno accolto e sostenuto la proposta di Image Line, ha oggi preso ufficialmente il via dall’Emilia-Romagna il progetto per la formazione all’agricoltura digitale che verrà in seguito ampliato a tutto il territorio nazionale.

L’accordo è stato siglato presso Nomisma, società di studi economici, con la quale Image Line ha avviato una serie di indagini sull’innovazione in agricoltura, denominata AgroInnovation Monitor.
Il percorso educativo, che ha validità triennale, si propone di formare gli studenti degli istituti professionali e tecnici agrari all’utilizzo degli strumenti digitali in agricoltura, e si rivolge in particolare ai ragazzi inseriti in percorsi di alternanza scuola-lavoro presso le aziende agrarie degli istituti. Nell’ambito della formazione gli studenti potranno utilizzare QdC® – Quaderno di Campagna e Fitogest®+, per comprendere meglio come gestire in modo innovativo le operazioni colturali (protezione delle colture, fertilizzazioni, rintracciabilità) e come poter utilizzare i servizi digitali per ottimizzare il lavoro, rendere l’azienda più efficiente ed organizzata, valorizzare le produzioni agroalimentari.
L’iniziativa coinvolge anche i docenti, per i quali sono previste delle sessioni di formazione sull’agricoltura digitale, che rientreranno tra le attività di aggiornamento professionale.
Al termine di ogni anno scolastico, Image Line premierà i tre migliori studenti diplomati aderenti al progetto, con un abbonamento gratuito per un anno ai servizi QdC® e Fitogest®+.

“Il progetto AgroInnovation EDU rappresenta per Image Line un traguardo importante – ha affermato Ivano Valmori, Ceo e fondatore di Image Line – poiché ci permette di avviare un dialogo con le scuole mettendo a disposizione dei ragazzi e dei docenti la nostra conoscenza ed esperienza nel campo dell’agricoltura digitale. Forniremo ai ragazzi un momento fondamentale di formazione all’utilizzo degli strumenti digitali progettati per il settore agricolo. Inoltre, la conoscenza dei moderni software, consentirà loro di accedere al mondo del lavoro con un background perfettamente rispondente alle esigenze di un mercato in continua evoluzione. Il protocollo d’intesa firmato con Istituzioni ufficiali della Regione Emilia Romagna – ha concluso Valmori – è solo il primo di una serie di accordi che intendiamo stringere anche con le altre regioni per estendere il progetto a un più ampio contesto nazionale”.

“L’investimento nel futuro della scuola e l’aiuto a ciascuno per trovare il proprio posto nella grande trasformazione in atto, sono la miglior scommessa per le nuove generazioni.” – aggiunge Maria Benedetta Borini, Presidente della Rete Istituti Tecnici Agrari e Professionali per l’Emilia-Romagna – “Abbiamo sempre fruito di una buona istruzione, grazie alla quale abbiamo registrato risultati eccellenti. Oggi dobbiamo batterci perché l’accesso al sapere e alla cultura sia meglio condiviso. Se vogliamo ottenere esiti positivi dobbiamo concedere alle scuole maggior autonomia pedagogica,  più mezzi e approcci innovativi.
La collaborazione con Image Line unitamente alla volontà degli insegnanti di fare gruppo e  sperimentare soluzioni nuove, hanno permesso la realizzazione di questo Progetto grazie al quale i docenti potranno rimettere il loro lavoro al centro di una alta professionalità. Trasmetteremo sapere e formazione: una sfida fondamentale!
R.ITA.P.ER – conclude Borini – vuole essere un supporto alle nuove generazioni e un aiuto alle scuole per una offerta formativa sempre più moderna.”

“L’Ufficio Scolastico Regionale ha aderito con convinzione al progetto AgroInnovation EDU che sarà realizzato da Image Line con la Rete degli Istituti Tecnici Agrari e Professionali dell’Emilia-Romagna “R.ITA.P.ER” – spiega il Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale Stefano Versari – perché coerente con tutte le più recenti disposizioni che richiedono una stretta collaborazione tra scuola e mondo del lavoro, a vantaggio della qualità dell’offerta formativa. Nello specifico, il processo di digitalizzazione – prosegue Stefano Versari – che ha coinvolto anche le imprese che operano nel settore agricolo, sta trasformando tutte le attività lavorative, richiedendo per svolgerle nuove competenze e professionalità E’, pertanto, fondamentale cogliere l’opportunità di partnership che contribuiscano ad assicurare ai nostri studenti, futuri operatori del settore, oltre ad un costante aggiornamento sugli strumenti digitali a disposizione, le competenze necessarie per inserirsi con successo nel mercato del lavoro”.

Tutte le iniziative relative all’agricoltura digitale degli istituti tecnici e professionali agrari italiani saranno raccolte e divulgate in un apposito canale del network Image Line, che si rivolge oggi ad una community di 145000 professionisti del settore primario.

Versione stampabile
Argomenti:
soloformazione