Aggiornamento su graduatorie ad esaurimento, novità seconda bozza

Di
Stampa

Lalla – Al fine di rispondere ai dubbi derivanti dalla lettura della nuova bozza (la numero due) sulle graduatorie ad esaurimento, che in queste ore circola su Internet, presentiamo le novità introdotte nella riunione di giovedì 28 aprile, con l’avvertenza che la bozza è stata inviata nuovamente alle Organizzazioni sindacali per le modifiche finali. Dunque, ancora una volta, lo ribadiamo, una bozza passibile di modifiche.

Lalla – Al fine di rispondere ai dubbi derivanti dalla lettura della nuova bozza (la numero due) sulle graduatorie ad esaurimento, che in queste ore circola su Internet, presentiamo le novità introdotte nella riunione di giovedì 28 aprile, con l’avvertenza che la bozza è stata inviata nuovamente alle Organizzazioni sindacali per le modifiche finali. Dunque, ancora una volta, lo ribadiamo, una bozza passibile di modifiche.

 Salvaprecari

All’art. 2 comma 8 è stata recepita la valutazione dell’intero anno di servizio per il personale inserito negli elenchi prioritari di cui ai D.M. n. 82 e 100 del 2009 e 68 e 80 del 2010, con la precisazione che la valutabilità dell’intero anno scolastico riguarda anche i docenti che, inseriti in tali elenchi, abbiano effettuato servizio nei progetti.

"Il personale docente ed educativo inserito negli elenchi prioritari compilati in base ai DDMM 82 e 100 del 2009 e 68 e 80 del 2010 ha diritto al riconoscimento della valutazione del servizio, o dell’attività prestata
mediante la partecipazione a progetti regionali,per l’intero anno (mod. n.1 pag. 4). Si applicano, al riguardo, i criteri indicati nelle note della Direzione generale del Personale della scuola n. 14655 del 30 settembre 2009, n. 19212 del 17 dicembre 2009 e n. 8491 del 20 settembre 2010 che si accludono come allegato n. 7 al presente Decreto."

Ci auguriamo che in questi giorni le Organizzazioni sindacali precisino ancor meglio i punti che altrimenti rimarrebbero ambigui per la valutabilità del servizio, come indicato nell’articolo Le norme sul salvaprecari.

Termine presentazione domande

Modificato il termine per la presentazione delle domande, ridimensionato da 30 a 20 giorni.

Immissioni in ruolo

Rispetto alla prima bozza rimane invariato l’art. 7, in riferimento all’utilizzo delle Graduatorie ad esaurimento per le immissioni in ruolo

"Le graduatorie hanno validità per gli anni scolastici 2011/2012 e 2012/2013 e sono utilizzate ai fini delle assunzioni a tempo indeterminato per i posti annualmente autorizzati. Dalle stesse graduatorie sono altresì conferite le supplenze annuali e quelle fino al termine delle attività didattiche."

Ipotizziamo possa trattarsi di una svista, ma la mancata specificazione che le Graduatorie ad esaurimento sono utilizzate per il 50% delle assunzioni a tempo indeterminato per i posti annualmente autorizzati e non per tutti, (ricordiamo che secondo la normativa l’altro 50% spetta alle graduatorie di merito dei concorsi ordinari), persiste.

Reclami e ricorsi

Questa è un po’ la novità della seconda bozza (nella prima il riferimento era ancora "abbozzato"). Modificata infatti la parte relativa al contenzioso, che occupa parte dell’art. 10 e dell’art. 13

Nell’art. 10 al comma 2 leggiamo: "Entro 5 giorni dalla pubblicazione delle predette graduatorie provvisorie può essere presentato reclamo da parte dei candidati all’Autorità scolastica che ha gestito la domanda di integrazione e aggiornamento delle stesse per quanto attiene al punteggio attribuito ed alla posizione in graduatoria. La medesima Autorità scolastica può procedere, anche in autotutela, alle correzioni necessarie."

Nell’art. 13 comma 3:

"Avverso il presente provvedimento è ammesso ricorso ordinario al giudice del lavoro. Analogo rimedio è esperibile avverso i provvedimenti che dichiarino l’inammissibilità della domanda ovvero l’esclusione dalle procedure. I concorrenti che abbiano presentato ricorso avverso i provvedimenti che dichiarino l’inammissibilità della domanda di partecipazione, ovvero l’esclusione dalla procedura, nelle more della definizione del ricorso stesso, sono ammessi, condizionatamente all’esito del contenzioso e vengono iscritti con riserva nella graduatoria."

Dunque, non più ricorso giurisdizionale al T.A.R entro 60 giorni dalla data di pubblicazione all’albo delle graduatorie definitive o ricorso straordinario al Presidente della Repubblica entro 120 giorni. I ricorsi andranno presentati al giudice del lavoro.

Vedi anche

Sintesi bozza del decreto di aggiornamento delle graduatorie ad esaurimento

Bozza decreto Graduatorie ad esaurimento: le norme sul salvaprecari

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia