Aggiornamento graduatorie istituto, i titoli di accesso per la II fascia

di Nino Sabella
ipsef

item-thumbnail

I docenti in possesso di abilitazione si inseriscono (o aggiornano) nella seconda fascia delle graduatorie di istituto, il cui aggiornamento è stato decretato dal DM n. 374/2017.

Gli aspiranti all’iscrizione nella II fascia delle predette graduatorie, secondo quanto leggiamo all’articolo 2, comma 1 lettera A), del summenzionato DM, non devono essere inseriti nelle graduatorie ad esaurimento (diverso il discorso di chi è inserito nella GaE e conseguentemente nella I fascia delle GI con riserva  e può presentare domanda di inserimento anche in II o III fascia; ne abbiamo parlato in questo articolo) e devono essere in possesso di specifica abilitazione o idoneità all’insegnamento, conseguita a seguito di concorsi per titoli e/o per esami anche ai soli fini abilitanti.

Non rientrano nei concorsi di cui sopra quelli banditi con D.D.G. n. 82/2012, D.D.G. n. 105/2016, D.D.G. n.106/2016 e D.D.G. n.107/2016.

Oltre all’abilitazione conseguita tramite concorso, sono considerati utili per l’inserimento in II fascia i seguenti titoli abilitanti:

  • diploma rilasciato dalle scuole di specializzazione per l’insegnamento secondario (SSIS);
  • diploma rilasciato a seguito della frequenza dei corsi COBASLID;
  • diploma rilasciato a seguito della frequenza dei percorsi di cui agli articoli 3 e 15, commi l e 1bis, del decreto Miur n. 249/2010 (TFA);
  • diploma rilasciato per la frequenza dei corsi biennali di II livello (D.M. n. 137/07) presso i Conservatori di musica e gli Istituti musicali;
  • diploma di didattica della musica congiunto al diploma di scuola secondaria di secondo grado e al diploma di conservatorio, conseguito ai sensi della legge n. 508/99 (ordinamento vigente) o secondo quanto previsto dal vecchio ordinamento;
  • abilitazione o idoneità conseguita a seguito di partecipazione alle sessioni riservate, o altre abilitazioni;
  • laurea in Scienze della formazione primaria valida per l’accesso alle graduatorie della scuola dell’infanzia e/o della scuola primaria;
  • per la scuola primaria, diploma magistrale conseguito entro l’anno scolastico 2001-2002, al termine dei corsi quadriennali e quinquennali sperimentali dell’istituto magistrale (sono esclusi i titoli di diploma di sperimentazione ad indirizzo linguistico di cui alla Circolare Ministeriale n. 27/1991 e delle sperimentazioni “Brocca” di Liceo linguistico);
  • per la scuola dell’infanzia, diploma magistrale conseguito entro l’anno scolastico 2001-2002, al termine dei corsi triennali e quinquennali sperimentali della scuola magistrale, ovvero dei corsi quadriennali o quinquennali sperimentali dell’istituto magistrale (sono esclusi i titoli di diploma di sperimentazione ad indirizzo linguistico di cui alla Circolare Ministeriale n. 27/1991 e delle sperimentazioni “Brocca” di Liceo linguistico).

E’ considerato titolo valido per l’accesso alla II fascia anche l’idoneità o l’abilitazione conseguita all’estero e riconosciuta dal Miur.

Gli aspiranti con abilitazione, conseguita all’estero e riconosciuta dal Miur, devono possedere la certificazione attestante il requisito della conoscenza della lingua italiana di livello C1 o C2 del Quadro Comune Europeo, a seconda che l’insegnamento riguardi materie tecnico-scientifiche o umanistiche, come indicato nell’allegato “A” alla Circolare 7 ottobre 2013 n. 5274.

La certificazione suddetta non deve essere conseguita dai docenti italiani, abilitatisi all’esterno, e da altre categorie indicate nella summenzionata circolare.

Le graduatorie relative alla scuola secondaria di I e II grado, come abbiamo già riferito, si aggiornano secondo le nuove classi di concorso. I docenti abilitati in una “vecchia” classe di concorso, infatti, confluiscono nelle nuove definite dal DPR n. 19/2016. Nel caso in cui nella nuova classe di concorso confluiscano più classi, il docente potrà impartire tutti gli insegnamenti in essa previsti e prima afferenti a diverse classi di concorso.

Sottolineiamo, infine, che i docenti, inseriti nel corso del triennio 2014-2017 negli elenchi aggiuntivi alla II fascia, in quanto hanno conseguito l’abilitazione dopo i termini di scadenza per l’aggiornamento delle graduatorie nel predetto triennio, sono graduati secondo l’ordine di punteggio attribuito, indipendentemente dalla finestra aggiuntiva di collocazione del precedente triennio.

Vai allo speciale

Versione stampabile
anief anief
soloformazione