Aggiornamento graduatorie istituto: titoli di accesso III fascia per non abilitati

di Nino Sabella
ipsef

item-thumbnail

Il DM n. 374/2017 ha disposto l’aggiornamento della II e della III fascia delle graduatorie di circolo e di istituto del personale docente ed educativo per il triennio scolastico 2017/18, 2018/2019 e 2019/2020.

La I fascia sarà aggiornata a decorrere dall’a.s. 2019/2020, contestualmente all’aggiornamento delle graduatorie ad esaurimento.

Occupiamoci in questa scheda dei titoli d’accesso alla III fascia, cui possono iscriversi gli aspiranti in possesso del solo titolo di studio.

L’accesso alla III fascia è consentito solo per le scuole secondarie di I e II grado e per il personale educativo.

Gli aspiranti devono essere in possesso di titolo di studio valido per l’accesso all’insegnamento richiesto con tutti i previsti CFU.

Il titolo di studio deve essere completo (quindi anche con eventuale integrazione dei CFU) entro il termine di scadenza di presentazione della domanda, ossia il 24 giugno 2017.

PERSONALE DOCENTE

I titoli di studio d’accesso alla III fascia sono indicati nell’articolo 2, comma 1 lettera B), del suddetto DM n. 374/2017, dove possiamo leggere che sono validi i titoli indicati sia dalla normativa previgente, cioè dal D.M. n. 39/98 e s.m.i. e dal D.M. n. 22/2005, che da quella vigente, ossia dal DPR n. 19/2016 e dal successivo DM n. 259/2017.

Gli aspiranti in possesso dei titoli di studio del pregresso ordinamento possono accedere alla III fascia, a condizione che abbiano conseguito i predetti titoli alla data di entrata in vigore del DPR n. 19/2016 (23 febbraio 2016).

Sono, inoltre, considerati validi per l’accesso alla III fascia delle graduatorie di istituto i titoli conseguiti all’estero, che siano stati dichiarati equipollenti al corrispondente titolo italiano e  tradotti e certificati dalla competente Autorità Diplomatica italiana.

Gli aspiranti con cittadinanza italiana, quelli con cittadinanza di uno degli Stati membri dell’Unione Europea o di Paesi terzi (che si trovino nelle condizioni di cui all’articolo 38, commi 1 e 3-bis, del decreto legislativo n. 165/01) e i familiari di cittadini italiani, in possesso di titolo di studio rilasciato all’estero e dichiarato equipollente, devono essere in possesso anche della certificazione di conoscenza della lingua italiana di livello C1 o C2 del Quadro Comune Europeo, secondo quanto indicato nell’allegato “A” alla  Circolare Miur 7 ottobre 2013 n.5274.

Il titolo conseguito all’estero, per accedere alle graduatorie di Conversazione in lingua straniera, si considera corrispondente ai titoli italiani, quando consente, nell’ordinamento scolastico del Paese in cui è stato conseguito, l’accesso agli studi universitari, secondo la dichiarazione di valore rilasciata dall’ Autorità consolare italiana competente per territorio. Ricordiamo che lingua del Paese, in cui è stato conseguito il titolo, è quella oggetto della Conversazione.

Il titolo estero, per poter accedere alle graduatorie di Conversazione, deve essere congiunto a titoli o esperienze professionali di carattere educativo, didattico, culturale.

PERSONALE EDUCATIVO

I titoli, per accedere alla III fascia delle graduatorie di Istituto del personale educativo, sono i seguenti:

  • laurea in scienze della formazione primaria per l’indirizzo di scuola primaria;
  • laurea in scienze della formazione primaria a ciclo unico quinquennale;
    laurea in scienze dell’ educazione (L-19);
  • laurea in scienze pedagogiche;
  • laurea quadriennale, vecchio ordinamento, in Scienze dell’educazione;
    lauree 65/S e LM-57 in Scienze dell’educazione degli adulti e della formazione continua;
  • diploma magistrale entro l’anno scolastico 2001-2002, al termine dei corsi quadriennali e quinquennali sperimentali dell’istituto magistrale (sono esclusi i titoli di diploma di sperimentazione ad indirizzo linguistico di cui alla Circolare Ministeriale n. 27/1991 e delle sperimentazioni “Brocca” di Liceo linguistico).

Possono, inoltre, inserirsi in graduatoria coloro che abbiano ottenuto l’accesso nelle graduatorie delle istituzioni educative per il biennio 2009/2010 e 2010/2011, secondo le specifiche disposizioni dell’ art. 2, comma l lettera h), del Decreto Miur n. 53/2007.

Ricordiamo, infine, che l’aggiornamento delle graduatorie avviene secondo le nuove classi di concorso, definite dal summenzionato DPR n. 19/2016 e dal DM n. 259/2017. I docenti con abilitazione/titolo di studio, utile per accedere ad una “vecchia” classe di concorso, infatti, confluiscono nelle nuove, secondo quanto previsto dal predetto DPR. Nel caso in cui nella nuova classe di concorso confluiscano più classi, il docente potrà impartire tutti gli insegnamenti in essa previsti e prima afferenti ad altre classi di concorso.

Vai allo speciale

Versione stampabile
anief anief
soloformazione