Aggiornamento graduatorie istituto: scelta sedi modello B. Indicazioni

Stampa

Il Miur, con il decreto dipartimentale n. 3/2017 e con la nota n. 1229 dell’11/01/2017, ha dato il via alle operazioni riguardanti l’integrazione delle graduatorie di Istituto, ai sensi del DM n. 336/2015.

Nel DM n. 336/2015 troviamo la cosiddetta finestra semestrale, quinta e ultima per il triennio di vigenza delle graduatorie in questione, preceduta dalle finestre del 1° febbraio 2015, del 1° agosto 2015, del 1° febbraio 2016 e del 1°agosto 2016.

La summenzionata finestra del 1° febbraio 2017 offre ai docenti, che si sono abilitati all’insegnamento e/o specializzati su sostegno dopo la scadenza dei termini (23 giugno 2014) di presentazione delle domande di inserimento/aggiornamento del 2014 ed entro il 1° febbraio 2017, la possibilità di inserirsi negli elenchi aggiuntivi alla II fascia delle graduatorie di Istituto.

Ricordiamo che l’inserimento avviene in subordine agli elenchi costituiti in seguito alle precedenti finestre.

Dei docenti interessati, delle modalità e termini di inserimento nei suddetti elenchi abbiamo già paralato in:

Graduatorie istituto, elenchi aggiuntivi sostegno: chi e come può presentare domanda

Graduatorie Istituto, elenco aggiuntivo II fascia: chi, come e quando può inserirsi

In questa scheda, focalizziamo la nostra attenzione sulle modalità e sui termini di scelta delle sedi, che i docenti interessati devono indicare (o sostituire) nel modello B.

Il decreto dipartimentale n. 3/2017 all’articolo 2/7 prevede che la scelta delle sedi avvenga secondo le indicazioni del DM n. 353/2014,(inserimento/aggiornamento graduatorie di istituto 2014-2017), nel periodo compreso tra il 16 di febbraio e l’8 marzo 2017 ( entro le ore 14.00).

Detta scelta va effettuata, sul portale Istanze Online, tramite la presentazione e l’invio del modello B.

Il modello B va indirizzato alla scuola destinataria del modello A3 (inviato, a sua volta, alla scuola di precedente inclusione – per i docenti già inseriti nelle graduatorie –  o a quella scelta per chi si inserisce per la prima volta).

La prima scuola del modello B deve coincidere con la scuola cui è stata indirizzata la domanda, cioé quella cui è stato inviato il modello A3 e che gestise la domanda.

Nel modello B è possibile indicare sino a 20 scuole per i docenti della scuola secondaria e sino a 10 scuole (di cui al massimo due circoli didattici) per i docenti della scuola dell’infanzia/primaria. E’ chiaro che le istituzioni scolastiche devono appartenere alla medesima provincia della scuola, cui è stata indirizzata la domanda di inserimento.

La scelta delle scuole (20 oppure 10) riguarda i docenti di primo inserimento, mentre chi è già inserito  in I, II o III fascia può soltanto cambiare alcune scuole già espresse all’atto della domanda di inserimento/aggiornamento o di inserimento tramite le precedenti finestre semestrali.

In particolare, e’ possibile cambiare una scuola per un’altra, soltanto se nella scuola da sostituire non è previsto l’insegnamento per il quale si chiede l’inserimento nell’elenco aggiuntivo relativo alla finestra del 1° febbraio 2017. Non è, invece, possibile cambiare scuole, qualora nelle stesse il nuovo insegnamento risulti già impartito.

Per i docenti di sostegno vale la scelta delle sedi effettuata per la classe di concorso, non devono perciò effettare alcuna procedura specifica per il sostegno.

Graduatoria Istituto, inserimento elenchi aggiuntivi II fascia: abilitazione e specializzazione sostegno. Modello A3 entro il 3/02

Tutto sulle graduatorie di Istituto

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur