Graduatorie Istituto, Petraglia (SI): presto decreto per evitare domande di messa a disposizione

di redazione
ipsef

In data odierna, abbiamo riferito sul possibile aggiornamento, nel mese di giugno, delle graduatorie di istituto di II e III fascia del personale docente.

Graduatorie d’istituto II e III fascia docenti, aggiornamento forse a giugno, tabelle titoli al parere del CSPI

Sulla questione è intervenuta anche la Senatrice Alessia Petraglia (SI) con un’apposita interrogazione parlamentare, nella quale si chiede alla Fedeli quando sarà pubblicato il decreto di aggiornamento. Nell’interrogazione si evidenzia la necessità di pubblicarlo a breve per un regolare avvio dell’anno scolastico 2017/18 e per evitare che le supplenze vengano attribuite tramite le domande di messa a disposizione, che sono prive di regolamentazione.

La Senatrice, inoltre, chiede se la Ministra abbia intenzione di affidare la formulazione delle graduatorie agli Uffici scolastici provinciali, in modo da alleggerire il lavoro delle scuole, già oberate da varie incombenze.

L’interrogazione

Al Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Premesso che,

ad oggi non è ancora stato pubblicato il bando per poter effettuare l’aggiornamento e l’integrazione della seconda   e terza fascia d’istituto del personale docente valevoli per il triennio scolastico 2017/20;

in diverse Regioni le sopraccitate graduatorie sono esaurite e tantissime Scuole hanno difficoltà a stipulare contratti di lavoro che possano coprire le supplenze temporanee se non ricorrendo alle messe a disposizione,

considerato che:

La messa a disposizione è un’istanza non regolata a livello ministeriale e non uniforme, che può essere presentata da chiunquesia in possesso di un titolo di studio che consente l’accesso ad una o più classi di concorso e che può essere inoltrata da tutti gli aspiranti docenti non iscritti in graduatoria o non abilitati;

Ritenuto che,

il ritardo nella pubblicazione del bando per il rinnovo delle graduatorie e la conseguente mancanza di aspiranti docenti non garantisce la sicurezza nelle scuole né il diritto allo studio;

Le scuole, già subissate da innumerevoli incombenze amministrative, rese sempre più onerose dai tagli al personale, saranno caricate dell’oneroso lavoro per la messa a punto delle graduatorie in tempi utili per coprire le supplenze

Visto che,

Vi è una concreta necessità che le graduatorie di seconda e terza fascia dei docenti siano pronte col regolare avvio dell’ anno scolastico, perché sono l’ unico strumento di garanzia di trasparenza nel conferimento di supplenze in sostituzione del personale titolare del posto

si chiede di sapere:

quali soluzioni il Ministro in indirizzo intenda intraprendere per garantire una celere pubblicazione delle domande acquisitedai singoli Ufficiali scolastici provinciali;

se non intenda far utilizzare la procedura informatica per l’iscrizione e l’aggiornamento delle graduatorie d’Istituto,operazione che presumibilmente coinvolgerà circa 500.000 persone e se non pensi di affidare la stesura finale agli Uffici Scolastici Provinciale, al fine di alleggerire le scuole di un ulteriore carico di lavoro e assicurare la massima trasparenza.

Petraglia

Versione stampabile
soloformazione