Aggiornamento graduatorie III fascia Ata. Cspi, pronte entro il 31 agosto. Anief: siano provinciali

Stampa

Comunicato Anief – Il CSPI ha fornito il parere e le proposte sullo schema di decreto dell’aggiornamento delle graduatorie di terza fascia ATA valide per il triennio 2021/24.

Nei prossimi mesi si aggiorneranno le graduatorie di circolo e d’istituto di terza fascia Ata, un momento tanto atteso che arriva dopo quattro anni. Nell’aggiornamento del 2017 le richieste d’inserimento hanno superato il milione e mezzo di istanze. Quest’anno se ne prevedono oltre 2 milioni. È un appuntamento molto atteso, visto la grave crisi economica e occupazionale. Inevitabile, quindi, un sovraccarico di lavoro per le segreterie delle varie istituzioni chiamate a evadere tutte le pratiche

Il CSPI ha fornito il parere e le proposte sullo schema di decreto dell’aggiornamento delle graduatorie di terza fascia ATA valide per il triennio 2021/24. Nei prossimi mesi si aggiorneranno le graduatorie di circolo e d’istituto di terza fascia Ata, un momento tanto atteso che arriva dopo quattro anni. Nell’aggiornamento del 2017 le richieste d’inserimento hanno superato il milione e mezzo di istanze. Quest’anno se ne prevedono oltre 2 milioni.

Novità importante è che le domande non saranno più cartacee ma telematiche tramite il portale di Istanze On Line. In questa ottica Anief propone di reintrodurre le graduatorie provinciali anche per la terza fascia per il conferimento delle supplenze annuali e fino al termine delle attività didattiche da parte degli Uffici Scolastici Territoriali. Riteniamo percorribile e importante questa possibilità, in questo modo le istituzioni scolastiche dovrebbero solo conferire supplenze brevi e saltuarie, così come avviene per il personale docente.

Il CSPI stima in circa 45 giorni il tempo durante il quale è possibile inviare le domande, questo anche per non creare assembramenti nell’eventualità che l’aspirante abbia bisogno di aiuti per elaborare la richiesta d’inserimento. Il parere del CSPI chiarisce che per garantire il buon funzionamento delle attività del prossimo anno scolastico e assicurare la continuità del servizio, le nuove graduatorie di circolo e d’istituto di terza fascia Ata devono essere pubblicate entro il 31 agosto 2021. Più che giusto quanto stabilito dal CSPI, ma bisogna ponderare con approfondita valutazione il periodo durante il quale si può presentare la domanda.

Emerge, dunque, la necessità di semplificazione nei contenuti e nelle procedure di compilazione dell’istanza eliminando o ridimensionando alcune voci da valutare, individuando modalità di formulazione che siano rapide e precise per superare l’enorme contenzioso che solitamente si genera a partire dalla loro compilazione. A tale scopo dovrebbe essere presa in considerazione una più omogenea modalità di distribuzione dei carichi di lavoro con il conseguente e coerente potenziamento degli organici e la riqualificazione e valorizzazione del personale. Ciò velocizzerebbe la gestione e raggiungerebbe lo scopo di avere a disposizione le nuove graduatorie in tempo utile per l’inizio dell’anno scolastico 2021/22.

Anief apprende con entusiasmo che anche il CSPI ha condiviso la nostra proposta di revisione del Regolamento per le supplenze Ata (DM 430/2000), il quale necessita di una adeguata rivalutazione dovuta ai molti cambiamenti e innovazioni che hanno riguardato il comparto scuola e di conseguenza la professione del personale Ata .

Anief non condivide il parere del CSPI per il personale collaboratore scolastico in quanto l’articolo 16 della legge 56/1987 regola l’assunzione presso la pubblica amministrazione. Per la stipula dei contratti a tempo indeterminato degli ex Lsu nella qualifica professionale di collaboratore scolastico il titolo di accesso è il diploma di licenza media oppure della licenza elementare ai sensi della legge 56/87 tutt’oggi vigente. Per il principio di non discriminazione e per analogia abbiamo chiesto che il requisito fosse il medesimo anche per l’aspirante collaboratore scolastico (ex terzo livello). Per inserirsi in graduatoria riteniamo che occorra la licenza media inferiore o aver assolto all’obbligo di istruzione (titolo valido anche la quinta elementare se conseguita entro l’anno 1962).

Non condividiamo con il CSPI l’obbligo per le scuole di controllare i titoli dichiarati entro il termine del contratto, in quanto esistono conferimenti di supplenze di pochi giorni e sarebbe impossibile per le istituzioni scolastiche riuscire a convalidare i titoli. Bisogna prevedere un sistema diverso e sicuramente più agile.

Stampa

Sogni d’insegnare all’estero? Scegli come requisito d’accesso alle prove il corso di interculturalità di Eurosofia