Aggiornamento GaE con cambio provincia, sindacati: serve stabilizzare docenti III fascia. Sciopero il 17 maggio

di redazione
ipsef

item-thumbnail

L’aggiornamento delle Graduatorie ad esaurimento sarà caratterizzato dal cambio provincia: i docenti potranno cioè scegliere anche province in cui gli elenchi siano già esauriti per avere il massimo delle possibilità di immissione in ruolo in tempi veloci. 

Le novità sono state presentate ai sindacati durante una informativa al Miur. Graduatorie ad esaurimento: domande da fine aprile. Sì cambio provincia e reinserimento depennati. Novità della bozza

Il commento dei sindacati

La UIL Scuola, pur assumendo positivamente la decisione ministeriale che consente ai docenti di poter trasferire la propria posizione da una provincia all’altra, ribadisce però che per non vanificare il buon lavoro svolto dall’amministrazione, occorre definire ed attuare, nel più breve tempo possibile, una fase transitoria di reclutamento che riguarda il personale precario di terza fascia delle scuole secondarie.

La UIL Scuola non chiede sanatorie ma un percorso che, riconoscendo la professionalità maturata in servizio, porti alla stabilizzazione del lavoro

Secondo la FLCGIL l’operazione di aggiornamento delle GAE, nonostante la possibilità di reinserimento di chi era stato escluso e di cambio di provincia, non basta per risolvere il problema delle cattedre vuote.

Al tavolo è stata dunque ribadita l’importanza di una fase transitoria che preveda la trasformazione di tutti i posti di organico di fatto in organico di diritto per consentire la stabilizzazione di tutti gli abilitati e dei docenti con 3 annualità di servizio.

Il bando per l’aggiornamento delle graduatorie ad esaurimento sarà pubblicato entro fine aprile con scadenza delle domande entro la seconda metà di maggio.

Ricordiamo che i sindacati FLCGIL, CISL, UIL, Snals e Gilda hanno proclamato uno sciopero per il 17 maggio 

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione