Affinati: “Non lasciare da soli i docenti, ma coinvolgere i genitori nel patto educativo”

WhatsApp
Telegram

Eraldo Affinati, ha dedicato gran parte della sua vita all’educazione. Insieme alla moglie Anna Luce Lenzi, ha dato vita alla scuola “Penny Wirton” 15 anni fa, offrendo insegnamento gratuito di italiano agli immigrati. Oggi, quella stessa visione si estende a quasi 60 istituti sparsi in tutta Italia.

Quest’anno, mentre celebriamo il centenario della nascita di don Lorenzo Milani (27 maggio 1923), figura emblematica nella vita di Affinati, sorge spontanea una domanda: quale parte del messaggio di don Milani vorrebbe Eraldo rilanciare per il nuovo anno scolastico?

In “Lettera a una professoressa”, don Milani sottolineava l’importanza di evitare domande ingannevoli nell’insegnamento. Affinati riflette in un’intervista con AgenSir: “La scuola dovrebbe guidare gli studenti in un viaggio di conoscenza, non in un percorso trappolato”. Il messaggio è chiaro: l’educazione dovrebbe creare un clima di fiducia, rendendo la scuola un’esperienza piacevole, non una sfida ardua.

Tuttavia, la scuola si trova ad affrontare sfide esterne, come evidenziato dal recente decreto-legge approvato per combattere il disagio giovanile e la criminalità minorile. Questo intervento legislativo, nato in risposta a episodi tragici come quelli di Caivano, mira a eliminare il vuoto educativo in aree impoverite, spesso esposte alla criminalità. Ma può la scuola realmente servire da baluardo contro la violenza?

Affinati è risoluto: “La scuola deve essere quella difesa, soprattutto nelle periferie dove rappresenta un pilastro di resistenza etica”. I docenti, quindi, non sono solo trasmettitori di conoscenza, ma veri e propri custodi del tessuto sociale. Ma la scuola non può operare isolatamente. Mentre le leggi possono regolare aspetti come la protezione online dei minori, è essenziale coinvolgere le famiglie nel processo educativo.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri