Adozione libri di testo 2017/18, pubblicata la nota Miur

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il Miur ha pubblicato la nota n. 5371 del 16 maggio u.s., avente per oggetto l’adozione dei libri di testo per l’a.s. 2017/18.

Nella nota si comunica che l’adozione dei libri di testo continua ad essere disciplinata dalla nota Miur n. 2581 del 9 aprile 2014 e si fornisce un riepilogo degli aspetti principali da attenzionare.

Riduzione tetti di spesa scuola secondaria (d.m. n.781/2013)

I tetti di spesa riguardanti le classi delle scuole secondarie di primo e  secondo grado, da definirsi con decreto ministeriale di natura non regolamentare, sono ridotti del:

  • 10 per cento, se nella classe considerata tutti i testi sono stati adottati per la prima  volta a partire dall’anno  scolastico  2014/2015  e  realizzati nella versione cartacea e digitale, accompagnata da contenuti digitali integrativi (modalità mista di tipo b– punto 2 dell’allegato al decreto ministeriale n. 781/2013);
  • 30 per cento,  se nella classe considerata tutti i testi sono stati adottati per la prima volta dall’anno scolastico 2014/2015 e realizzati nella  versione digitale accompagnata da contenuti digitali integrativi (modalità digitale – tipo c– punto 2 dell’allegato al decreto ministeriale n.781/2013).

Il tetto di spesa può essere superato del 10%, a condizione che il collegio dei docenti motivi l’eventuale superamento.

Termini per le adozioni

Le  adozioni  dei  testi  scolastici sono deliberate dal collegio dei docenti.

I dirigenti scolastici devono vigilare affinché le adozioni siano deliberate nel rispetto dei vincoli di legge e le scelte siano espressione della libertà  di  insegnamento e dell’autonomia professionale dei docenti.

I docenti, dal canto loro, compatibilmente  con  le  esigenze  di  servizio  e  nel  rispetto del  regolare svolgimento delle lezioni,  possono incontrare gli  operatori  editoriali  scolastici accreditati dalle case editrici  o dall’Associazione nazionale agenti rappresentanti promotori editoriali (ANARPE).

Nella nota, infine, si ricorda il divieto di commercio dei libri di testo, previsto dall’art. 157 del d.lgs. 16 aprile 1994, n. 297.

Comunicazione dati adozionali

Per la comunicazione dei dati riguardanti le adozioni e le relative istruzioni, sarà emanata a breve un’apposita nota.

nota 5371/2017

nota n. 2581 del-9-aprile-2014

Versione stampabile
Argomenti:
soloformazione