ADIDA. Dopo la scuola l’università

WhatsApp
Telegram

Oggi approda alla Camera il DDL scuola per essere votato probabilmente giovedì 9. L’esecutivo Renzi, al di là della maschera politica che ha indossato per gabbare i più, sta infilando una dietro l’altra una serie di ‘riforme’ che a definire reazionarie ci sembra di essere ancora troppo clementi.

Oggi approda alla Camera il DDL scuola per essere votato probabilmente giovedì 9. L’esecutivo Renzi, al di là della maschera politica che ha indossato per gabbare i più, sta infilando una dietro l’altra una serie di ‘riforme’ che a definire reazionarie ci sembra di essere ancora troppo clementi.

Tacendo sull’Italicum (che meriterebbe un approfondimento a parte) è sufficiente ricordare il famigerato jobs act, che se per un verso ha ricevuto il plauso delle più potenti lobby economico-finanziarie, per un altro ha, di fatto, cancellato lo Statuto dei lavoratori e, ovviamente, il DDL sulla ‘buona scuola’ che rivoluziona in modo autoritario e servile l’istituzione scolastica nel nostro Paese. Ma non basta.

L’esecutivo sta ancora lavorando, e tra i molti interventi di ‘riforma’ e di ‘ammodernamento’ del sistema pubblico (un vero smantellamento, purtroppo…) l’attenzione è rivolta anche alla Pubblica amministrazione, e proprio venerdì scorso è stato approvato alla Camera un importante emendamento. Siamo in fase di iter, ma in contenuto dell’emendamento 13.38 presentato da Marco Meloni del Pd è oltremodo esplicativo della direzione in cui sta andando il Paese. L’idea di fondo sottesa a questa nuova perla sfoggiata dalla compagine governativa è quella di redigere una graduatoria degli atenei italiani perché, lo sottolineava con inquietante candore il nostro premier qualche mese fa «esistono già università di serie A e di serie B in Italia, dobbiamo avere il coraggio di ammetterlo»; aggiungendo anche che «rifiutare la logica del merito dentro le università e pensare che tutte siano brave è quanto di più antidemocratico vi possa essere».

Insomma, non più l’idea che sia lo Stato a garantire un medesimo standard d‘istruzione (a parità di titolo) uniforme su tutto il territorio nazionale in accordo con gli Articoli 33 e 34 della nostra Costituzione, ma, spiega Ernesto Carbone relatore della riforma Madia, dobbiamo «stabilire caso per caso quanto vale un titolo di studio […]». Inoltre, tra dichiarazioni e prospettive di “riforma” viene completamente disatteso l'Articolo 3 che stabilisce inequivocabilmente quale obbligo dello Stato quello di “rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana”

Siamo di fronte non solo allo smantellamento della scuola pubblica che il DDL sulla buona scuola ha rimodellato su un becero modello privatistico oramai consunto e superato, ma alla demolizione surrettizia dell’idea stessa di pubblico su cui poggia la nostra Carta costituzionale.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur