Adiconsum: le misure per abbattere il caro-libri un primo passo nella giusta direzione

di Lalla
ipsef

Ufficio Stampa Adiconsum – Un Decreto ad ampio respiro quello varato oggi dal Consiglio dei Ministri in tema di scuola. Si tratta di un primo passo – dichiara Pietro Giordano, Presidente nazionale di Adiconsum – al quale ci auguriamo ne seguiranno tanti altri. Il Governo ha finalmente messo mano alla questione del caro-libri di testo, una spesa insostenibile per molte famiglie, tanto da mettere in forse il diritto allo studio dei propri figli.

Ufficio Stampa Adiconsum – Un Decreto ad ampio respiro quello varato oggi dal Consiglio dei Ministri in tema di scuola. Si tratta di un primo passo – dichiara Pietro Giordano, Presidente nazionale di Adiconsum – al quale ci auguriamo ne seguiranno tanti altri. Il Governo ha finalmente messo mano alla questione del caro-libri di testo, una spesa insostenibile per molte famiglie, tanto da mettere in forse il diritto allo studio dei propri figli.

Bene quindi la possibilità di adottare vecchie edizioni che libri in comodato d’uso – prosegue Giordano – Bene anche l’aver trasferito il controllo del rispetto dei tetti di spesa ai Dirigenti scolastici, fornendo in tal modo alle famiglie un interlocutore sul territorio e l’aver affermato che si possono considerare libri consigliati solo quelli di approfondimento e monografici –– e non, come accaduto in passato, libri di testo vero e proprio, il cui acquisto era quindi obbligatorio.

Tutte misure queste che – continua Giordano – seppur lievemente, ridanno fiato alle famiglie.

È però necessario che quest’iter virtuoso continui – conclude Giordano – prevedendo di portare in detrazione, come già in altri Paesi, le spese sostenute per l’istruzione e la cultura e di adottare al più presto gli e-book.

69mila immissioni in ruolo di cui 27mila nel sostegno da subito e assunzioni per il personale ATA. Arriva un’ora in più di geografia. Novità reclutamento dirigenti.

Versione stampabile
anief
soloformazione