Addio supplenze da Graduatoria d’Istituto, saranno affidate ai tirocinanti durante il corso di formazione. Come funzionerà

Stampa

Addio supplenze da Graduatoria d’Istituto? Se non saranno apportate modifiche al testo di riforma sembra proprio che scompariranno quasi del tutto.

Concorso a cattedra 2020: 255 mila partecipanti per 22 mila posti. Vincitori avranno stipendio di 400 euro mensili

Infatti, ricordiamo che il Consiglio dei Ministri ha emanato un decreto legge (già inviato al Parlamento) con il quale si riforma il percorso di formazione e reclutamento dei docenti.

I docenti, in possesso di laura magistrale, dovranno vincere un concorso per poi accedere ad un corso di formazione triennale che avverrà tramite contratto di formazione.

I docenti, gestiti direttamente dalle scuole, dovranno barcamenarsi tra attività di tirocinio diretto e indiretto, corsi di formazione, progetti di ricerca-azione.

Tutto ciò, però, non basterà. Infatti, leggiamo nel testo all’articolo 10, “Il contrattista su posto comunee, sulla base di incarichi del dirigente scolastico della scuola interessata e fermo restando gli altri impegni formativi, può effettuare supplenze nell’ambito scolastico di appartenenza, e, nel terzo anno, su posti vacanti e disponibili.”

Stesso impegno anche per i docenti di sostegno, come si legge all’articolo 11.

Insomma, il nuovo sistema che non entrerà in vigore prima del 2020/21 (e vedrà i primi tirocinanti entrare nelle scuole non prima del 2021/22), farà in modo che le supplenze nelle scuole passeranno tra organico dell’autonomia e tirocinanti con buona pace dei docenti iscritti nelle graduatorie d’istituto. Almeno per le supplenze brevi.

Leggi il decreto

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur