Addio Bonus 18APP, arriva la Carta Cultura: soglia massima ISEE fino a 50mila euro. Ipotesi al vaglio

WhatsApp
Telegram

Il governo lavora al nuovo bonus cultura per i 18enni. Dovrebbe chiamarsi Carta della Cultura e avrà una soglia massima di Isee a 50mila euro secondo quanto filtra da fonti di maggioranza.

I 500 euro possono essere spesi anche per corsi di lingua, di teatro e di musica, per entrare al circo o ai festival culturali. Per comprare musica registrata, come cd, dvd, vinili o abbonamenti online (qui la spesa di quest’anno è stata di quasi 14 milioni tra online e negozi fisici). Al momento il bonus a disposizione dei nati nel 2003 è stato speso soprattutto online, per un importo di quasi 96 milioni di euro, mentre fisicamente sono stati impegnati oltre 47 milioni di euro, per un totale di 144 milioni di euro. Ne mancano ancora quasi 90 che, è facile immaginare, andranno via tra regali di Natale e concerti delle feste.

Il 2003 è stato in assoluto l’anno con il maggiore numero di iscritti, ovvero oltre 441 mila ragazzi, e si avvicina solo agli iscritti del 2019 che vedeva il mini-boom di nascite del 2000 con 429 mila iscritti ed un totale di spesa 198.670.903,22 euro.

Tra il 2018 e il 2020 in Italia sono stati spesi bonus cultura per un totale di 354.181.519 milioni di euro

Secondo un rapporto della Guardia di Finanza i soldi truffati usando il bonus cultura di 18App ammontano a 17 milioni di euro. Le truffe hanno dunque riguardato il 3,85% della spesa. Gli importi indebitamente percepiti ammontano a 13.653.354 euro, mentre operazioni sospette per ulteriori 3.557.874 euro sono state segnalte al ministero della Cultura: il totale è dunque di 17.211.228 euro. I controlli hanno riguardato complessivamente 639 persone, e in 501 casi sono emerse irregolarita’.

I meccanismi fraudolenti più utilizzati sono la compravendita di su internet attraverso piattaforme come Instagram, Facebook, Telegram, la conversione del bonus cultura in voucher da spendere in un periodo temporale successivo alla scadenza del periodo di validità, l’acquisto di apparecchiature elettroniche non consentite dalla normativa – come smartphone, tablet, e console – la simulazione dell’acquisto di un bene consentito, poi restituito in cambio di un altro bene, il furto di identità digitale Spid per accedere alla piattaforma 18 App e generare il codice del buono da spendere.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur