Addio alle parole “maschio” e “femmina”: l’iniziativa di oltre 300 scuole nel Regno Unito

WhatsApp
Telegram

Nel Regno Unito arriva un programma che vuole abolire le classificazioni “maschio” e “femmina”, i pronomi maschili e femminile “he” e “she” e “ogni inutile riferimento” che faccia riferimento a uno specifico gender.

Lo rivela associazione per i diritti lgbqt+ inglese, Stonewall, nel suo report annuale.

Come riporta il quotidiano La Repubblica, l’iniziativa vede oltre trecento istituti, che vanno dagli asili nido alle scuole primarie e secondarie di tutto il Regno, che sono iscritte al programma “School & College Champion”.

Si tratta di una iniziativa proprio di Stonewall che prevede innanzitutto l’eliminazione delle classificazioni di genere maschili e femminili di bambini e studenti.

Fra gli esempi citati si invitano docenti e operatori scolastici a rinunciare agli appellativi “boys” e “girls” per utilizzare invece i neutri “young people” (“giovani”) o “team”.

Lo stesso discorso vale per i pronomi personali “he” e “she”, che andrebbero rimpiazzati con “they” (il più generico “loro”, “essi”).

Il programma “School & College Champion” però, come spiega il “Daily Mail”, è un programma che prevede anche altre misure, come i bagni unisex e l’autodichiarazione di genere da parte dei piccoli studenti.

Il Governo conservatore di Rishi Sunak  bolla queste proposte come “radicali”, approvando di conseguenza disposizioni chiare che escludono ogni possibilità di bagni unisex negli uffici e locali pubblici.

Tuttavia, si sottolinea, che al momento il programma di Stonewall è solo alle prime fasi e dunque non si sarebbe concretizzato nulla.

Per essere nella lista gli istituti scolastici versano una quota di circa 100 euro all’anno al gruppo di attivisti per i diritti trans e gay.

WhatsApp
Telegram

Concorsi PNRR: prove scritte: 11-12 marzo infanzia e primaria, 13-19 marzo secondaria. Preparati al rush finale con EUROSOFIA