Addio ai voti sul registro elettronico: non saranno visibili agli studenti, solo in concomitanza degli scrutini. La scelta di un liceo a Palermo: “Così curiamo l’ansia”

WhatsApp
Telegram

Al Liceo Scientifico Cannizzaro di Palermo, una modifica del sistema di assegnazione dei voti segna un cambiamento significativo nella valutazione del rendimento degli studenti.

La visibilità dei voti ottenuti dagli studenti sarà limitata sul registro elettronico accessibile alle famiglie. I voti saranno visibili solo a ridosso della pagella di gennaio e poi alla fine dell’anno scolastico. Questa misura è stata introdotta in seguito all’avvio, quest’anno, di una classe sperimentale che non prevede la divulgazione dei voti se non al termine dell’anno scolastico.

Questa mossa mira a ridurre l’ansia da prestazione che gli studenti spesso sperimentano, soprattutto nei confronti delle aspettative dei genitori. La decisione è stata accolta con sollievo dagli alunni dell’ultimo anno che hanno esclamato: “Era ora”.

A La Repubblica, la dirigente scolastica ha sottolineato come questa mossa punti a garantire una maggiore serenità degli studenti nella vita scolastica. L’ansia generata dalla visibilità immediata dei voti, infatti, veniva spesso amplificata dal controllo costante dei genitori, che, grazie alla password fornita, potevano accedere in tempo reale al registro elettronico.

Un insegnante, invece, ha evidenziato come questa continua sorveglianza potesse a volte generare una pressione eccessiva sugli studenti, portando addirittura a veri e propri episodi di panico durante le interrogazioni.

Il nuovo sistema mira a comunicare che la valutazione del rendimento di uno studente è un processo più complesso che va oltre un singolo voto ottenuto in una singola materia. Il messaggio si allinea con l’obiettivo di fornire un ambiente di apprendimento più supportivo e meno stressante per gli studenti, permettendo loro di focalizzarsi sul processo di apprendimento piuttosto che sulla valutazione numerica.

Nonostante la riforma, il coinvolgimento dei genitori resta fondamentale. Saranno previsti momenti specifici in cui i voti saranno resi visibili sul registro e sarà possibile richiedere in qualsiasi momento un incontro con i docenti per discutere del rendimento scolastico dei propri figli.

Leggi anche

Abolire il registro elettronico e via i genitori da scuola. Le proposte di Crepet: “Non è tornare indietro, è rimettere le cose al loro posto” [VIDEO]

Il registro elettronico non è obbligatorio, lo sottolinea la Cassazione. Il registro di classe e del professore sono atto pubblico

Registro elettronico, se deliberato dal collegio docenti è obbligatorio. Compilazione in tempo reale

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri