Addio ai certificati originali dal 1° gennaio 2012. Le novità per la scuola

Di Lalla
Stampa

Lalla – Dal 1° gennaio 2012 le pubbliche amministrazioni non possono richiedere atti o certificati già in possesso dell’amministrazione, potranno acquisire d’ufficio i dati o avvalersi dell’autocertificazione dei privati sul possesso dei requisiti. Il risparmio sarà di 23 miliardi. I particolari nella direttiva n. 14/2011

Lalla – Dal 1° gennaio 2012 le pubbliche amministrazioni non possono richiedere atti o certificati già in possesso dell’amministrazione, potranno acquisire d’ufficio i dati o avvalersi dell’autocertificazione dei privati sul possesso dei requisiti. Il risparmio sarà di 23 miliardi. I particolari nella direttiva n. 14/2011

Le certificazioni rilasciate dagli uffici pubblici "sono valide e utilizzabili solo nei rapporti tra privati; nei rapporti tra questi e la Pubblica Amministrazione (o i gestori di servizi pubblici) sono sempre sostituite dalle dichiarazioni sostitutive o dall’atto di notorietà"

Ogni modulo deve contenere la dicitura: "Il presente certificato non può essere prodotto agli organi della pubblica amministrazione o ai privati gestori di pubblici servizi"

Va individuato presso ogni ente l’ufficio responsabile per gestire, garantire e verificare la trasmissione dei dati o l’accesso diretto agli stessi da parte delle amministrazioni procedenti così da permettere idonei controlli " anche a campione" delle dichiarazione sostitutive.

In che misura tale direttiva interesserà la scuola?

Sicuramente in misura determinante. Ricordiamo che risale a solo qualche mese l’obbligo per i docenti di presentare in originale, entro 3 giorni dall’immissione in ruolo, tutti i documenti che avevano prodotto il punteggio in graduatoria.( allegato A punto A.18 alla C.M. n. 73 del 10 agosto 2011) e che una nota del 6 settembre 2011 che estendeva l’obbligo anche ai supplenti assunti dalle graduatorie ad esaurimento (nota peraltro inapplicata in molti ambiti territoriali Accertamenti sui titoli presentati in graduatoria, in quante province è stato fatto?)

Ma ricordiamo che anche in occasione dell’assunzione da graduatoria di istituto (dm 62/11 art.7) scattano i controlli sulle autocertificazioni prodotte, che anche in questo caso dovranno seguire le nuove direttive.

Moltissimi altri gli ambiti di applicazione della direttiva: ogni volta che verrà richiesto un certificato in originale accertarsi che questo non possa essere acqusito direttamente dall’amministrazione.

La direttiva n. 14/2011

Stampa

Preparazione concorsi e TFA Sostegno con CFIScuola!