Ad aprile 50 euro netti medi di aumento e 400 euro di arretrati nel cedolino, tutte le cifre per docenti ed ATA. Varo contratto in via di conclusione

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Mancano circa 15 giorni alla conclusione del percorso di varo del nuovo contratto per il personale della scuola. Manca solo il sì della Corte dei Conti.

Abbiamo già dato notizia del via libera per il nuovo contratto da parte del Consiglio dei Ministri, adesso la palla è passata alla Corte dei Conti che dovrebbe pronunciarsi nell’arco di 15 giorni.

Ricordiamo che al momento è stata siglata soltanto una ipotesi di contratto, firmata dal CGIL, CISL e UIL. SNALS e Gilda non hanno ritenuto di dover firmare.

Se la Corte dei Conti non troverà intoppi, il testo sarà definitivamente firmato dalle parti sociali e dall’amministrazione e sarà dato il via al recupero delle somme di aumento che spettano al personale della scuola.

Per quanto riguarda gli arretrati, vanno da un minimo di 195 euro per i collaboratori scolastici, ad un massimo di 429 euro per i direttori dei servizi generali e amministrativi. Per quanto riguarda i docenti, il massimo a cui potranno aspirare i docenti dell’infanzia sarà di 395 euro, mentre la cifra più significativa spetterà ai docenti laureati che lavorano negli istituti secondari di II grado, cui spetterà per 35 anni di anzianità 412 euro.

Tutte le cifre degli arretrati al netto

TUTTE LE CIFRE DEGLI AUMENTI STIPENDIALI NETTI

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione