Achille Lauro alle Nazioni Unite parla agli studenti: “Portate avanti le vostre passioni”

WhatsApp
Telegram

Achille Lauro è volato a New York per partecipare all’iniziativa “Gcmuntalks” presso la sede dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. L’evento, intitolato “Le arti per la cittadinanza globale”, ha visto l’artista tenere un discorso sul ruolo della musica come arte che unisce le popolazioni e sull’importanza di investire nelle proprie passioni.

L’occasione è stata particolarmente significativa per Achille Lauro, che ha espresso il proprio orgoglio per essere stato invitato a parlare presso il “Palazzo di Vetro” dell’Onu, un luogo simbolico per la pace e le relazioni internazionali. Inoltre, l’artista ha sottolineato il valore del progetto che ha portato avanti nelle scuole italiane, in cui ha condiviso la sua passione per la musica con i giovani studenti.

Achille Lauro crede fermamente nei giovani e nella loro capacità di cambiare il mondo, il cantante ha espresso la speranza che il suo messaggio sia stato accolto dai giovani studenti internazionali presenti all’evento e che abbia lasciato un segno positivo nei loro cuori.

“È stato un grande onore per me varcare la soglia del Palazzo di Vetro dell’Onu, un luogo così importante e simbolico per la pace e le relazioni internazionali e poter parlare di musica come forma d’arte che unisce i popoli di fronte a studenti provenienti da tutto il mondo – ha esordito Achille Lauro -. Sono enormemente fiero del progetto che ho portato avanti nelle scuole italiane nei mesi scorsi dove ho testimoniato la mia passione autentica per la musica che è diventata anche una professione con l’obiettivo di essere d’aiuto a chi ha ancora davanti il proprio futuro e si trova a intraprendere una scelta di vita così importante – ha proseguito l’artista -. Spero veramente che a tutti i ragazzi sia rimasto qualcosa dentro. Io credo moltissimo nei giovani e so che possono veramente cambiare il mondo, è anche grazie a loro che sono arrivato fino a qui”.

WhatsApp
Telegram

Concorso docenti 2024/25, bando a novembre: cosa studiare e come prepararsi. Corso di formazione, libro “Studio rapido” e simulatore per la prova scritta