Accolto ricorso ANIEF in soli 3 giorni su scatti biennali

di Lalla
ipsef

ANIEF – Per il tribunale, decisone lampo sul primo dei ricorsi pilota presentati dall’ANIEF. Si attende ora l’esito degli altri ricorsi su stabilizzazione e contratti al 31 agosto. Per legge devono essere presentati entro il 22 gennaio 2011. Prorogati inderogabilmente al 30 novembre i termini della pre-adesione ai ricorsi. Le istruzioni operative saranno inviate il 1 dicembre.

ANIEF – Per il tribunale, decisone lampo sul primo dei ricorsi pilota presentati dall’ANIEF. Si attende ora l’esito degli altri ricorsi su stabilizzazione e contratti al 31 agosto. Per legge devono essere presentati entro il 22 gennaio 2011. Prorogati inderogabilmente al 30 novembre i termini della pre-adesione ai ricorsi. Le istruzioni operative saranno inviate il 1 dicembre.

Il Giudice del Tribunale – sez. Lavoro ha accolto, in soli 3 giorni, dopo il deposito, il ricorso presentato dal rappresentante legale ANIEF di Foggia, avv. A. Gabrieli, nell’interesse di una docente precaria, circa il riconoscimento delle differenze retributive derivanti dal mancato pagamento degli scatti stipendiali biennali. Il Giudice, facendo riferimento alle motivazioni esposte a sostegno delle pretese della socia ANIEF, ha intimato al MIUR il pagamento di quanto è stato oggetto di richiesta, oltre al pagamento delle spese legali e delle spettanze di legge.

Ricorsi al giudice del lavoro: indispensabile attivare le procedure entro il 22 gennaio 2011

Inizia il 24 novembre il conto alla rovescia di 60 giorni entro il quale coloro i quali vogliono ricorrere al giudice del lavoro con ANIEF per la stabilizzazione (immissione in ruolo) in seguito a illegittima reiterazione dei contratti a tempo determinato, per il riconoscimento degli scatti biennali di anzianità e per la trasformazione dei contratti su posto vacante e disponibile con termine 30.06 in contratti al 31.08. L’impugnazione degli atti illegittimi dovrà iniziare formalmente entro e non oltre il 22 gennaio 2010.

L’art. 32 della legge 4 novembre 2010 n. 183, tra i molti aspetti controversi che l’ANIEF ha denunciato anche in una missiva inviata al Presidente della Repubblica, pone anche un problema di rapidità di intervento con la quale dovranno confrontarsi le decine di migliaia di docenti e Ata che possiedono i requisiti per chiedere l’intervento del giudice del lavoro sui loro contratti a tempo determinati pregressi: questi, infatti, dovranno manifestare per iscritto – anche per via extragiudiziale – entro il termine perentorio di 60 giorni dalla data di entrata in vigore della stessa legge, fissata al 24 novembre 2010, la loro volontà di impugnare tali contratti.

In altre parole, i ricorrenti che intendono impugnare i termini dei contratti degli anni passati o dell’anno in corso dovranno quanto meno inviare all’Amministrazione una comunicazione a mezzo raccomandata entro e non oltre il 22 gennaio 2011, pena la decadenza dalla possibilità di adire le vie giudiziarie.

Il ricorso dovrà poi essere depositato entro i successivi 270 giorni. ANIEF sta predisponendo a tal fine un modello che verrà inviato gratuitamente a partire dal 30 novembre a tutti coloro che hanno inviato la mail di preadesione secondo le istruzioni fornite. Attraverso questo modello tutti i ricorrenti avranno la possibilità di ottemperare a quanto disposto entro il termine dei 60 giorni previsti dalla nuova legge, e verranno in seguito messi in contatto diretto con i legali ANIEF sul territorio.

È il momento di agire senza alcun indugio, perché potrebbe non esserci una seconda possibilità per gli anni pregressi e per quello in corso. D’altronde, l’accoglimento del primo ricorso pilota in soli tre giorni sugli scatti biennali per il periodo di precariato, induce ottime speranze.

I ricorsi pilota servono soltanto da apri-pista per il deposito di tutti gli altri ricorsi seriali anche al fine di rassicurare tutti i ricorrenti circa un’improbabile insuccesso con conseguente condanna alle spese da parte del ricorrente. In tal modo, l’ANIEF tutela ancora di più i propri soci.

Si invitano, pertanto, tutti coloro che hanno i requisiti per partecipare a queste azioni giudiziarie o che ci hanno richiesto in passato di attivare la procedura di conciliazione, a dare la propria pre-adesione entro il 30 novembre prossimo (data dell’ultima proroga), al fine di organizzare tempestivamente entro il mese di dicembre le modalità operative di adesione in ogni corte territoriale del Paese, fiduciosi nelle decine di pronunciamenti favorevoli già noti e nell’incisività dell’operato dell’ANIEF.

Vai alle istruzioni per la preadesione

Versione stampabile
anief
soloformazione