“Accendete le telecamere, disattivate i microfoni, mi sentite?, Provo a condividere…” No, la scuola non può ridursi così. Lettera

Stampa

inviata da Benedetta Cianfarani – Sono le 4 e 26 del mattino, sveglia da circa un’ora a pensare che da lunedì prossimo io, mio marito e i miei tre figli saremo tutti insieme appassionatamente di nuovo in dad.

Viviamo in campagna, non abbiamo la rete fissa perché siamo su una linea derivata, ci serviamo del wireless che certamente non ci supporterà. L’idea di metterci di nuovo davanti a dei dispositivi che ci alienano e ci automatizzato mi deprime. Preferirei mille volte vedere decurtato il mio stipendio anziché avvilirmi dietro ai ritornelli di rito “accendete le telecamere, disattivate i microfoni, mi sentite?, Provo a condividere…” No, tutto questo non più.

La scuola non può ridursi così, ci perdiamo tutti. So bene che soluzioni non ce ne sono, ma so anche che, per quanto voglia considerare un’opportunità e non un problema l’ormai epica dad, questa didattica non mi rappresenta, non la voglio fare mia, la rifiuto.

La scuola è la mia seconda vita, ho fatto lezione con una colica biliare in corso, con trauma cranico, in gravidanza, la terza figlia l’ho partorita dopo venti giorni dall’ultimo collegio di giugno.

A scuola sono sempre andata piena di vita e sorridente, ora invece mi sento spenta e mi scuso con chi mi legge per questa retorica da quattro soldi, ma sono davvero sull’orlo di una crisi di nervi, soprattutto se penso che per senso civico mi sono fatta vaccinare firmando, come tutti, una liberatoria in cui ho ipotecato il futuro per amore della scienza, per mettere in sicurezza me e i miei alunni, e adesso, stando alle ultime novità, ho in circolo un potenziale nemico.

Sua maestà il Covid ci ha veramente sottomessi e l’evocato “ultimo miglio” mi sembra illimitato. Perdonate il tono depresso e deprimente, sarà per l’ora. Fra poco albeggerà e andrò ancora una volta felice tra i miei studenti a vivermi, per ora, l’ultimo giorno di scuola.

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur