Accantonamento posti, considerare anche concorso 2018 con graduatorie in ritardo. Lettera

Stampa
ex

Inviato da Valentina Nuti – “Colgo l’occasione dell’imminente festa dei lavoratori per porre all’attenzione di tutti l’iniquo trattamento che stanno subendo i docenti abilitati che, come me, hanno partecipato/stanno partecipando al concorso 2018, le cui graduatorie non sono state ancora pubblicate a causa dei ritardi delle commissioni e della generale apatia di tutti gli organi del settore.

E’ evidente che subiamo un’illogica ed iniqua disparità di trattamento, dato che avremmo dovuto essere assunti, come i colleghi di altre classi di concorso/altre regioni, l’anno scorso!

Ma al governo e ai sindacati sembra non importare niente…visto che l’accantonamento dei posti è stato previsto solo per le graduatorie pubblicate entro il 31/12/2018, oltretutto dando la precedenza alla mobilità dei docenti già di ruolo, quindi riducendo così le possibilità di essere assunto a tempo indeterminato a chi è ancora precario, mentre anche l’Europa ci ricorda che devono essere adottate tutte le misure volte a favorire la stabilizzazione!

Cosa che, tra l’altro, non è avvenuta per i docenti con graduatorie pubblicate entro il 31/08/2018:ulteriore disparità di trattamento!

Mi chiedo: perché non si proroga ancora l’accantonamento dei posti, al netto della mobilità, con nomine giuridiche al 31/08/ 2018, quindi alle stesse condizioni degli altri colleghi, dato che i ritardi sono dell’Amministrazione?
Vorrei lanciare un forte appello agli organi competenti perché tali misure vengano adottate nell’immediato, prima delle elezioni!

Stampa

Il nuovo programma di supporto gratuito Trinity per docenti di lingua inglese