Accademia della Crusca: “I bambini devono continuare a scrivere a mano”

di Giulia Boffa
ipsef

L'Accademia della Crusca, attraverso il suo periodico divulgativo "La Crusca per voi", ha pubblicato il parere di Guido Gainotti, professore di neurologia all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, che riafferma l'importanza e la validità dell'esperienza della grafia nei piccoli studenti.

L'Accademia della Crusca, attraverso il suo periodico divulgativo "La Crusca per voi", ha pubblicato il parere di Guido Gainotti, professore di neurologia all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, che riafferma l'importanza e la validità dell'esperienza della grafia nei piccoli studenti.

"La scrittura è una delle attività che più hanno risentito del processo di digitalizzazione, poiché essa si è trasformata da un’attività manuale continua, compiuta con una penna, la cui punta scorreva su un foglio, in un’attività discontinua, basata sull’uso di una tastiera computerizzata – osserva il prof. Gainotti – Nel soggetto adulto questa sostituzione si è rivelata vantaggiosa, soprattutto per la maggiore rapidità che essa consente nella stesura del linguaggio scritto".

Il neurologo Guifo Gainotti ricorda che sono state sollevate obiezioni sia di carattere neurobiologico (basate sullo studio dei meccanismi neurali che si svilupperebbero meglio in corso di una scrittura manuale che non di una scrittura tipografica) sia di carattere più genericamente psicologico circa l'impiego della tastiera al posto della grafia manuale in età infantile.

Alcuni autori hanno sostenuto che il riconoscimento di singole lettere sarebbe migliore in corso di apprendimento di una scrittura manuale che non imparando a scrivere su una tastiera, poiché le attività motorie compiute nel corso della scrittura manuale contribuirebbero al riconoscimento delle lettere stesse.

Autori giapponesi hanno mostrato che la tendenza a scrivere manualmente aiuta a ricordare meglio la forma delle lettere. Per questa ragione, i bambini che imparano le parole scrivendole a mano le ricorderebbero meglio che non quelli che le imparano scrivendole su una tastiera.

Il neurologo Guido Gainotti afferma: "Evidentemente, non riteniamo che la scelta fra scrittura a mano e scrittura tipografica giochi un ruolo importante in questo senso, ma riteniamo che, comunque, essa faccia parte di un sistema di scelte, di cui dobbiamo tener conto nella valutazione consapevole del tipo di società verso cui vogliamo andare".

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione