Tutta Italia fuori da zona rossa, anche Abruzzo arancione. Dal 9 dicembre studenti medie tutti a scuola

Stampa

“Mantenuto l’impegno di riaprire il commercio prima dell’Immacolata”. Così il governatore dell’Abruzzo Marco Marsilio annuncia l’uscita della Regione dalla zona rossa.

“Ho firmato l’ordinanza con la quale l’Abruzzo rientra in zona arancione”, scrive su Facebook.

“Da domani i negozi saranno aperti e da mercoledì torneranno a scuola i ragazzi di seconda e terza media”, aggiunge.

“Il monitoraggio del fine settimana ha fornito ulteriori dati confortanti, dei quali ha preso atto anche il Comitato Tecnico Scientifico regionale. Non si registrava dal 23 ottobre scorso un numero così basso di nuovi positivi.
Mi ero assunto la responsabilità di anticipare l’ingresso in zona rossa, con l’obiettivo di iniziare la “cura” necessaria a riportare l’Abruzzo in sicurezza. I dati di due successivi report della Cabina di Regia nazionale e quelli dell’ultimo fine settimana dimostrano che l’obiettivo è stato raggiunto nel minor tempo possibile”, conclude.

Boccia: con decisioni autonome, sarà diffidato

“L’Abruzzo era stata dichiarato con 2 giorni d’anticipo zona rossa, che poi fu decretata di venerdì. C’è la disponibilità del governo a riconoscere la fine della zona rossa nelle tre settimane necessarie e obbligatorie”. Lo dice a Live non è la
D’Urso il ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia.

“Se l’Abruzzo tornasse in zona arancione da mercoledì avrebbe l’intesa del Ministero della Salute. Se decide autonomamente di andare in zona arancione da domani mattina – avverte l’esponente Pd – sarà diffidato perché diventa inevitabile tutelare sul piano sanitario tutti gli abruzzesi e tutti gli italiani”.

Con questo aggiornamento tutta Italia è fuori dalla zona rossa.

Stampa

Didattica inclusiva attraverso alcune figure del mito greco. Corso online riconosciuto dal Ministero dell’istruzione