Abolizione compiti per casa, due notizie per la Ministra: gruppo FB dedicato, scuole a tempo pieno. Lettera

WhatsApp
Telegram

La Ministra Fedeli (MIUR) ha auspicato l’adozione di programmi e lo svolgimento di attività che evitino di “caricare ulteriormente a casa di compiti i ragazzi”, precisando, successivamente: “Devo anche far mettere le scuole nella condizione di non far svolgere i compiti a casa, altrimenti rischio di fare un danno agli studenti.”

Ebbene, ci sono ottime notizie per la Ministra, che mostra sensibilità, non solo pedagogica, e contezza di un problema molto grave pressoché ignorato dagli “addetti ai lavori”.

Prima notizia.

In Italia esiste un gruppo Facebook, “Docenti e Dirigenti a Compiti Zero”, che ha raccolto più di 300 adesioni, al quale sono iscritti insegnanti di ogni “ordine e grado”, licei compresi; docenti di discipline diverse, il quotidiano impegno dei quali costituisce la “prova vivente” e inoppugnabile della possibilità di fare scuola, già adesso, senza assegnare compiti; docenti che da anni hanno superato questa pratica arcaica e screditata da studi ormai classici, archiviata dalle scuole migliori d’Europa (un esempio per tutti, la Finlandia) con esiti più che soddisfacenti, in ogni senso – alcune testimonianze delle loro esperienze sono riportate nell’Ebook: “I compiti fanno male”.

Seconda notizia.

In Italia operano moltissime scuole a tempo pieno che impegnano gli studenti della scuola primaria per 8 ore al giorno, per 40 ore settimanali (il doppio delle scuole finlandesi e per più giorni l’anno) nelle quali sono assegnati compiti a casa quotidianamente e nei week end (oltre, naturalmente, ai famigerati “compiti per le vacanze”): dopo 8 ore di forzata immobilità, bambini di 6-11 anni, che avrebbero tanto più bisogno di giocare, ricrearsi, riposare, coltivare interessi e passioni, sono costretti a un impegno estenuante e dissennato che sortisce il solo effetto di rendere odioso lo studio e repellente la scuola; ebbene, almeno in questo tipo di scuole la “condizione di non far svolgere i compiti a casa” è già ampiamente garantita (nemmeno dovrebbe porsi il problema, per ovvie ragioni di igiene fisica e mentale).

Si può, dunque, procedere rassicurati dall’esperienza delle migliori scuole del mondo, ma soprattutto dagli esiti scolastici di molti studenti, italiani, i docenti dei quali non assegnano compiti per le ragioni riportate nella petizione: “Basta compiti!”, lanciata sulla piattaforma online change.org che ha superato le 23 mila adesioni.

Maurizio Parodi

Dirigente scolastico

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno VII ciclo, corso di preparazione valido per preselettiva, scritto ed orale. Con esempi. Ultimi giorni a prezzo scontato