Abolire cattedre esterne con completamento (COE), la proposta

di redazione

item-thumbnail

La proposta è di S.B.C. Scuola Bene Comune:  una riforma necessaria degli organici dell’autonomia, l’abolizione delle cattedre con completamento esterno nello stesso e negli altri comuni (COE).

La proposta di S.B.C.

Bisogna eliminare questa anomalia del completamento cattedra, gli organici spezzatino, le cattedre composte su più scuole dello stesso e di comuni diversi, una complessa gestione degli organici, per l’abbinamento degli orari, per la complessità del lavoro e l’impiego incongruo del personale docente.

Ci sono 100 motivi e lo sanno in primis i funzionari provinciali degli USP che ogni anno formano gli organici di diritto provinciali con gli abbinamenti di die o più spezzoni.

Ecco la necessità di una riforma urgente nella formazione degli organici e l’eliminazione dal 2020/21 delle Coe, le cattedre orarario esterne.

Il docente perdente ore per completamento:

1) resta nella scuola per attività integrative e/o di potenziamento nella scuola di titolarità, con l’utilizzo dei posti di potenziamento;

2) resta su spezzone orario di cui si possiede l’abilitazione, oppure il titolo di studio ( insegnamento affine) o il titolo di sostegno per i docenti specializzati che chiedono a domanda di restare in servizio su tali posti di sostegno.

Libero Tassella.

Versione stampabile
Argomenti:
soloformazione