Abilitazione precari paritarie e IeFP, Associazioni: avviare subito procedura

Print Friendly and PDF

Comunicato stampa congiunto – La legge di conversione del D.L. “milleproroghe” ha rinviato al 30 aprile p.v. il termine per bandire i concorsi ordinario e straordinario per i docenti (che dovevano essere avviati entro il 2019).

Il Consiglio superiore della pubblica istruzione (CSPI) sta per concludere l’esame dei decreti relativi al concorso ordinario e alla procedura straordinaria riservata ai precari statali (l’Adunanza Plenaria del CSPI è stata convocata il 4/3 p.v. per la formulazione dell’obbligatorio parere).

Senonché non c’è ancora traccia del decreto relativo alla procedura straordinaria riservata ai precari delle paritarie e della IeFP e finalizzata al conseguimento della abilitazione all’insegnamento.

Il Decreto legge n. 126/2019, convertito nella legge n. 150/2019, prevedeva una unica “procedura straordinaria”, da bandire con uno o più decreti, per i docenti precari “statali” (per la assunzione in ruolo) e di “paritarie/IeFP” (per la abilitazione).

È gravissimo che il Ministero dell’Istruzione si sia dimenticato dei precari delle paritarie/IeFP e avvii la procedura straordinaria solo per i precari statali.

Ciò risulta in netto contrasto con le previsioni della legge n.150/2019 approvata solo pochi mesi fa; gli interessati saranno costretti a rilevare tale illegittimità (ove non venisse immediatamente sanata) nelle sedi giudiziarie competenti.

Come associazioni di enti che gestiscono scuole paritarie e IeFP, siamo a chiedere di nuovo con decisione al Ministero dell’Istruzione di avviare subito anche la procedura straordinaria per la abilitazione dei precari di paritarie e IeFP.

Il Ministero dell’Istruzione ha detto di non voler aspettare il 30 aprile per pubblicare i bandi dei concorsi ordinario e straordinario.

Apprezziamo la volontà di procedere con urgenza, purché non si procrastini la illegittima discriminazione nei confronti dei precari di paritarie/IeFP.

Confidiamo in una immediata e positiva risposta del Ministero dell’Istruzione, rispettosa della volontà del legislatore e della presenza in Italia di un unico sistema scolastico nazionale, costituito da scuole statali e scuole paritarie.

 

Giancarlo Frare – Presidente nazionale AGeSC

Francesco Ciccimarra – Presidente nazionale AGIDAE Marco Masi – Presidente nazionale CdO Opere Educative Pietro Mellano – Presidente nazionale CNOS Scuola Marilisa Miotti – Presidente nazionale CIOFS scuola

Giovanni Sanfilippo – Delegato nazionale per le Relazioni Istituzionali FAES

Virginia Kaladich – Presidente nazionale FIDAE Luigi Morgano – Segretario Nazionale FISM

Print Friendly and PDF

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia