Abilitazione per i docenti di ruolo, Anief chiede una svolta nel nuovo Contratto

Stampa

ANIEF – Con la fine dell’anno scolastico torna di attualità il problema dei tanti insegnanti “immobilizzati” nel loro ruolo e senza prospettiva alcuna di svolgere altro pur essendo in possesso dei titoli per poterlo fare: a ricordarlo è Marcello Pacifico, presidente del sindacato Anief. “Si tratta – ha detto in una video-intervista all’agenzia Teleborsa – di quei docenti che hanno dei titoli per poter passare di ruolo o per passare dalla scuola dell’infanzia alla secondaria di primo o secondo grado o da una materia all’altra, ma non lo possono fare perché non gli viene data l’opportunità di conseguire nuove abilitazioni, possibilità che il Testo Unico del 1994 prevedeva e che invece in questi ultimi anni non è stata più concessa”.

Il passaggio da un ruolo professionale all’altro è oggi ancora limitato da delle norme a dir poco discutibili. Il professor Marcello Pacifico ha ricordato che “il numero dei posti è limitato nelle domande di mobilità e nei trasferimenti” e quindi annunciato che l’Anief cercherà, nel nuovo contratto integrativo del triennio 2021/2023, di togliere questi vincoli, e nel tavolo sul reclutamento, di chiedere al ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi di riattivare le procedure per poter conseguire un’abilitazione.

Il titolo di studio per insegnare, l’abilitazione all’insegnamento, ha detto il sindacalista autonomo, “si può conseguire anche presso gli atenei, con sessioni speciali, e pure a distanza, per consentire ai docenti di spostarsi da una classe di concorso all’altra e da un ordine di grado all’altro”.

Il leader del giovane sindacato rappresentativo ritiene quindi che “questo sarà possibile eliminando tutte quelle norme nel contratto collettivo di lavoro che, invece di riconoscere in pieno l’anzianità maturata nei precedenti ruoli, vanno a mortificare, con la temporizzazione, l’anzianità che si è accumulata in una classe di concorso di ordine e grado diverso”.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur