Abbigliamento consono, Rusconi: “La scuola non può essere spiaggia per nudisti”. E consiglia: “Alla maturità polo o camicia”

WhatsApp
Telegram

“Da anni le scuole diramano una sorta di regolamento sull’abbigliamento che sia consono all’ambiente in cui si trovano i ragazzi. La stessa Dacia Maraini che non mi sembra una reazionaria invitata nella mia scuola, lo scientifico Pio IX all’Aventino, ha detto “la scuola è un luogo sacro che va trattato con sacralità”, un luogo in cui si forma la cultura dei giovani e la coscienza civile, non può esser trattata come spiaggia per nudisti”.

Così, Mario Rusconi, presidente dell’ANP Roma, a Il Messaggero, intervenendo sulla recente circolare di una scuola romana che ha imposto un abbigliamento consono per studenti e personale scolastico.

“Io ho sempre usato l’ironia – dice il preside -: quando comincia l’estate mi metto all’ingresso e se vedo ragazzi con maglie corte faccio la battuta “dite a mamma di cambiare detersivo…”. Ai ragazzi pieni di peli sulle gambe chiedo: “Scusa che cabina hai? Stai andando a Ostia?”. In base all’ambiente in cui ti trovi devi saperti modulare” sottolinea.

Rusconi dà poi un consiglio in vista dell’esame di Maturità: “Mi raccomando ragazzi a come vi vestite, una polo, una camicia bianca. L’abito fa il monaco, è un dato di fatto non un’osservazione oscurantista“.

WhatsApp
Telegram

Concorso Dirigenti scolastici, preselettiva superata? Preparati per lo scritto