A071 – Petizione on line e interrogazione parlamentare

di Lalla
ipsef

Anna Scardigno – Un gruppo di docenti A071 nel mese di Ottobre u.s. ha avviato una petizione on line per richiedere di porre maggiore attenzione alla disciplina del disegno tecnico e all’accorpamento delle classi di concorso simili. Sin da allora abbiamo contattato tutti i sindacati e diffuso le nostre osservazioni a tutti i siti che si occupano delle problematiche relative alla scuola. Ricordo, inoltre, alla redazione di orizzonte scuola e a tutti gli abilitati alla classe di concorso A071che in data 13/12/2010 è stata presentata un’interrogazione parlamentare da parte dell’on. Ghizzoni Manuela con il seguente testo:

Anna Scardigno – Un gruppo di docenti A071 nel mese di Ottobre u.s. ha avviato una petizione on line per richiedere di porre maggiore attenzione alla disciplina del disegno tecnico e all’accorpamento delle classi di concorso simili. Sin da allora abbiamo contattato tutti i sindacati e diffuso le nostre osservazioni a tutti i siti che si occupano delle problematiche relative alla scuola. Ricordo, inoltre, alla redazione di orizzonte scuola e a tutti gli abilitati alla classe di concorso A071che in data 13/12/2010 è stata presentata un’interrogazione parlamentare da parte dell’on. Ghizzoni Manuela con il seguente testo:

Al Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca.

– "Per sapere – premesso che: a seguito dell’ultimo riordino delle classi di concorso approvato con decreto ministeriale 39/98, l’insegnamento di disegno tecnico è stato attribuito, nei bienni di tutti gli istituti tecnici, agli abilitati alla classe di concorso A071 – tecnologie e disegno tecnico (riferimento decreto 39/98 – tabella A);

– i docenti abilitati alla suddetta classe di concorso sono ingegneri e architetti;

– l’attuale classe di concorso A071 – tecnologie e disegno tecnico – secondo le disposizioni dello «Schema di Regolamento per la razionalizzazione e l’accorpamento delle classi di concorso» – sarà unita alla classe di concorso A016 (costruzioni, tecnologia delle costruzioni e disegno tecnico) e alla classe di concorso A027 (disegno tecnico e artistico) per formare una nuova classe di concorso A-56 (tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica), i cui contenuti, rispetto alla disciplina «Tecnologie e Disegno», riguarderanno solo il linguaggio tecnico-grafico e non più la tecnologia e i relativi processi produttivi;

– altresì, i docenti, ingegneri e architetti, abilitati per la citata classe di concorso A016, potranno, previo aggiornamento, essere accorpati ai docenti A072 (tipografia, costruzioni rurali e disegno) per formare una ulteriore classe di concorso, l’A-35 (scienze e tecnologie delle costruzioni). Tale possibilità viene invece negata ai docenti A071, egualmente ingegneri e architetti. Per la nuova classe A35 è ammesso l’insegnamento di «Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica», permettendo in tal modo a due nuove classi di concorso, A-56 e A-35, di insegnare «Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica» al biennio degli istituti tecnici – settore tecnologico: (indirizzo agraria, agroalimentare e agroindustria e indirizzo costruzioni, ambiente e territorio);

a fronte di tali presupposti, si evidenzia una forte riduzione delle opportunità di insegnamento per i docenti A071 e una disparità di trattamento tra coloro che possiedono gli stessi titoli di studio e abilitazioni simili, così come appare poco chiara la motivazione di una scelta che rende più complessa la gestione degli organici nei suddetti istituti tecnici e più incerte e difficoltose le operazioni di reclutamento dei docenti;

i contenuti della nuova disciplina «Scienze e Tecnologie applicate», si riferiscono a quelli della precedente disciplina «Tecnologie e disegno» della classe di abilitazione A071, nei cui percorsi abilitanti delle università italiane erano contemplati esami con specifici argomenti riguardanti la tecnologia, i processi di lavorazione dei materiali congiunti ai processi produttivi; tali contenuti ora, impropriamente, vengono scissi dai contenuti di rappresentazione grafica per costituire una nuova disciplina «Scienze e Tecnologie applicate» che, senza motivo, non può essere insegnata dai docenti A071, nonostante gli stessi abbiano acquisito sia una preparazione adeguata durante i percorsi di abilitazione sia esperienza maturata durante gli anni di insegnamento;

a seguito del regolamento di riordino degli istituti tecnici, la classe di concorso A071 risulta peraltro ulteriormente penalizzata: la riduzione delle ore di laboratorio (- 3 ore al secondo anno) determina l’assegnazione di più classi ad ogni singolo docente e, di conseguenza, la perdita di posti disponibili e l’impossibilità da parte dei docenti precari di ottenere incarichi a tempo determinato -: se il Ministro interrogato, in vista dell’adozione del regolamento per la razionalizzazione e l’accorpamento delle classi di concorso, non ritenga opportuno consentire ai docenti della classe A071 di insegnare la disciplina «scienze e tecnologie applicate», prevista al secondo anno del biennio degli istituti tecnici e, previo aggiornamento, prevedere la possibilità di essere accorpati alla nuova classe A35, in analogia a quanto previsto per i colleghi della classe A016."

La denominazione delle classi di concorso non corrisponde a quella previstamnell’ultima bozza di revisione poichè si riferisce a una precedente bozza di accorpamento.

Non abbiamo ancora ricevuto risposte dal Ministero della Pubblica Istruzione!!!!

la petizione

l’interrogazione parlamentare

Leggi anche
La bozza dei nuovi quadri orario

Nuove classi di concorso docenti – segnalazione incongruenze tra le Cl. Conc. A-61 e A-37 (e vecchie Cl. Conc. A071, A016 e A072)

Nuove classi di concorso docenti – segnalazione incongruenze tra le Cl. Conc. A- 61 e A-37 (e vecchie Cl. Conc. A071, A016 e A072) – nuovi interventi

A071 e nuove classi di concorso

Versione stampabile
anief anief
soloformazione