A scuola 15 minuti più tardi, scoppia la polemica

A Osimo (Ancona) è scoppiata la polemica, dopo la proposta del Comune ai dirigenti scolastici di fare entrare e uscire da scuola gli studenti 15 minuti più tardi.

A scuola, da settembre 2020, si entra alle 8,15 e si esce alle 13,15 per fare in modo che gli orari delle scuole secondarie di primo grado non si sovrappongano a quelli delle elementari: è questa la proposta del Comune che ha fatto esplodere la polemica. La decisione dovrebbe essere deliberata entro giugno.

Come riporta il Corriere Adriatico, la proposta sarebbe arrivata direttamente dai DS dei tre istituti comprensivi di Osimo. Secondo il vicesindaco Andreoni, il cambio di orario potrebbe permettere di avere meno traffico concentrato negli stessi orari e anche per le famiglie che hanno più figli da portare a scuola può essere una soluzione.

Se verrà applicata la modifica il Comune si farà carico del pre-scuola, quindi le famiglie potranno portare i figli alle medie anche alle 7,45 con vigilanza garantita fino all’avvio delle lezioni alle 8,15, ad Offagna ad esempio già si fa così” ha precisato il vicesindaco.

La proposta però non piace ad alcuni genitori che lamentano sui social le difficoltà perché entrano a lavoro alle 8. Polemiche poi anche dall’opposizione: “Posticipare l’ingresso di 15 minuti degli studenti delle scuole medie non farebbe che allungare il tempo di intasamento delle principali vie di comunicazione” riferisce FdI.

Docenti neoassunti, formazione su didattica digitale integrata. Affidati ad Eurosofia per acquisire le competenze richieste