A.s. 2020/21, l’anno della speranza e del coraggio. Lettera

Stampa
ex

Inviata da Mario Bocola – Non soltanto per gli studenti sarà il primo giorno di scuola dopo sei mesi dal 4 marzo 2020, giorno del lockdown, ma anche per i docenti già di ruolo e neo immessi in ruolo è stato il primo giorno di scuola.

Sì proprio così dopo i mesi più duri della pandemia. E varcare di nuovo la soglia della scuola è stata per me un’emozione fortissima che ha prodotto sentimenti contrastanti di gioia e di commozione. Rivedere il dirigente scolastico, il DSGA, il personale ATA e i colleghi docenti in carne e ossa e non più attraverso lo schermo di un computer è stato veramente toccante. Non potevamo abbracciarci, ma quei saluti gomito a gomito sono stati davvero momenti forti.

La vera scuola, quale comunità educante è solo quella in presenza dove si avverte la vicinanza e l’affetto delle persone, quel contatto umano che non deve mai mancare. Poi rivedere le aule, i corridoi della mia scuola, con i banchi e le sedie (non ancora tutti monoposto) è stata anch’essa un’emozione bella e coinvolgente. Altra esperienza significativa sarà quando inizieranno le lezioni in presenza con gli alunni. Rivedere i loro volti, udire i loro incitamenti, ascoltare la loro voce dopo sei mesi sarà come rinascere a vita nuova, risorgere dal buio delle tenebre del lockdown, per risplendere nella luce della ripartenza, della ripresa o meglio ancora del sapore di ritorno alla normalità.

Ovviamente di una normalità tutta rinnovata in virtù delle disposizioni anti covid di distanziamento di un metro e di utilizzo delle mascherine e gel igienizzanti. Insomma un avvio di anno scolastico all’insegna delle fiducia, della speranza e del coraggio. Oserei azzardatamente definire l’anno scolastico 2020/2021, l’anno della “speranza e del coraggio” di andare avanti senza guardare mai indietro.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur