A Monopoli turisti a caccia di selfie con la scultura della sirena realizzata dagli studenti. C’è chi ironizza: “Sarebbe da denuncia al chirurgo”

WhatsApp
Telegram

Da Copenaghen a Monopoli, il passaggio dalla Sirenetta delle fiabe a una Sirena “curvy” ha attirato rapidamente l’attenzione dei media.

Così come segnala il Corriere della Sera, le immagini della nuova scultura situata al centro di una piazzetta nella cittadina pugliese sono diventate virali in tutto il mondo. La ragione dietro a tale interesse risiede nelle audaci curve modellate dagli autori della scultura, che si differenziano notevolmente dalla famosa versione danese.

A Monopoli la controversa sirena è stata collocata in una piazzetta dedicata alla vincitrice del premio Nobel per la medicina Rita Levi Montalcini. I critici sostengono che il luogo avrebbe richiesto un’installazione più attinente al tema scientifico. Inoltre, l’opera si trova in un’area destinata a parco giochi per bambini, circondata da alberi spogli e piccole giostre. Nonostante ciò, il sindaco Angelo Annese nega che la scultura sia stata oggetto di censura e si mostra soddisfatto dell’attenzione mediatica ricevuta.

La sirena è stata realizzata dagli studenti del Liceo Artistico Luigi Russo di Monopoli e il preside Adolfo Marciano non sembra preoccupato dalle polemiche. Al contrario, afferma che l’arte deve suscitare dibattito e sottolinea come l’opera si discosti dall’immagine di bellezza promossa dalla pubblicità e dalle riviste. Tuttavia, il modello proposto continua a generare perplessità e, secondo l’attrice Tiziana Schiavarelli, potrebbe essere considerato “da denuncia al chirurgo”. Nonostante ciò, l’opera rimane al suo posto, e il sindaco ribadisce che “l’arte è arte, la scultura non si tocca”. Nel frattempo, i turisti continuano a scattare fotografie e immortalare l’opera in questione.

WhatsApp
Telegram

Storia di Giacomo Matteotti che sfidò il fascismo: una grande lezione di educazione civica per tutti. Webinar gratuito