A Campobasso chiuse 20 scuola per inagibilità

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il sindaco di Campobasso ha chiuso 20 scuole della città.

Ne parla il Corriere.
Le scuole sono a rischio, perché non in regola con la normativa antisismica o antincendio o con le altre regole a garanzia della staticità degli edifici e quindi della sicurezza di studenti e insegnanti.

Il Comune si è affidato ai controlli dei tecnici comunali e dei vigili del fuoco e ha incaricato l’Università del Molise di controllare lo stato di salute di ciascun edificio.

Su 35 costruzioni, 20 sono state chiuse e per altre 7 si attende il responso di agibilità. I restanti edifici, tra i quali tre nuovissimi, non potevano però accogliere tutti gli studenti.

Il sindaco ha chiesto la collaborazione dell’università, nelle cui aule sono stati sistemati 400 studenti. Altre centinaia sono invece stati distribuiti tra la Casa dello studente (uno stabile dell’ex Istituto case popolari ristrutturato), in un edificio privato affittato per 215 mila euro l’anno e persino in una palazzina della zona industriale e artigianale.

La giunta ha deciso di dirottare a favore alle scuole 11 milioni di euro destinati alla mobilità e 6 milioni ricavati dalla vendita di alcuni immobili comunali, ai quali vanno aggiunti i 3,3 milioni del bando «scuole innovative» finanziati dall’Inail. In tutto, 20 milioni. Ma ne occorrerebbero altri 10.

Versione stampabile
anief
soloformazione