Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

730 non liquidabile per quadri A e B non completi: come intervenire?

Stampa

Quando il 730 precompilato risulta non liquidabile solitamente manca qualche informazione essenziale nei quadri indicati.

Quando il 730 precompilato risulta come “non liquidabile” il contribuente deve provvedere a completare i quadri indicati dove, probabilmente manca qualche dato. Rispondiamo ad una lettrice che ci chiede:

Buonasera, sto facendo il 730 online, continua a esserci scritto non liquidabile e di completare il quadro A e B, ma sono già completati non so che altro devo inserire.

730 non liquidabile

Nel quadro A del modello 730 sono indicati i redditi derivanti dai terreni. Questo quadro deve essere compilato da chi possiede terreni, chi esercita attività agricola in terreni affittati o chi è socio o partecipante all’impresa familiare o titolare di impresa individuale agricola.

Il quadro A per essere completo deve essere compilato  correttamente e nello specifico:

  • nella colonna 1 va indicato il reddito dominicale che risulta dagli atti catastali
  • nella colonna 2 va indicato a quale titolo si utilizza il terreno inserendo uno dei codici previsti (dall 1 al 10)
  • nella colonna 3 va indicato il reddito agrario che risulta degli atti catastali
  • Nella colonna 4 va indicato il periodo di possesso (per tutto l’anno indicare 365 giorni)
  • Nella colonna 5 indicare la percentuale di possesso (per unico proprietario indicare 100)
  • La colonna 6 va compilata solo in caso di terreno dato in affitto in regime legale di determinazione (indicare il canone risultante dal contratto, rapportato al periodo di colonna 4)
  • La colonna 7 va compilata per indicare uno dei casi particolari indicandone il codice.

Quando è questo il quadro non completo nella maggior parte dei casi è necessario indicare il periodo di possesso o la percentuale di possesso (oppure entrambi): le consiglio, quindi, di controllare se la colonna 4 o 5 sono state compilate.

Il quadro B del modello 730 precompilato riguarda i redditi dei fabbricati con l’indicazione che la prima parte, da B1 a B6 va utilizzata per dichiarare i redditi dei fabbricati mentre la seconda, da B7 a B11 eventuali dati relativi ai contratti di locazione.

Anche in questo quadro, solitamente le informazioni mancanti sono relative alla percentuale di possesso (colonna 4) e ai giorni di possesso (colonna 3).

Stampa
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur