Il 60% degli italiani non legge nemmeno un libro all’anno

Stampa

L'Aie, Associazione Italiana Editori, ha fornito i dati sull'attitudine alla lettura degli italiani in occasione della presentazione della campagna #ioleggoperché.

L'Aie, Associazione Italiana Editori, ha fornito i dati sull'attitudine alla lettura degli italiani in occasione della presentazione della campagna #ioleggoperché.

I dati non sono molto positivi:  la percentuale di chi legge libri in Italia è passata nel 2014 al 41,1%, vale a dire che si è registrata una flessione del 3,4% pari a 820mila lettori in meno. Quasi il 60% degli italiani, quindi, non legge neanche un libro all'anno.

Calano soprattutto i 'lettori deboli', cioè quelli che leggono tra 1 e 3 libri all'anno (-6,6% nel 2014); è, invece, dello 0,5% il calo dei lettori forti (quelli che leggono almeno un libro al mese).

Le donne continuano a leggere più degli uomini (48% contro 34,5%), ma anche loro calano dell' l'11,8% rispetto al 2013 a fronte di un calo meno pronunciato dei lettori uomini (-4,9%).

Si legge sempre più al Nord che al Sud, ma calano i dati al Nord-Est del 4,2% e al Nord Ovest del 3,6%.

I giovani restano i lettori più forti: legge almeno un libro all'anno il 53,5% dei ragazzi tra gli 11 e i 14 anni; il 51,1% di quelli tra i 15 e i 17 anni e il 51,7% dei 18-19enni.

Stampa

Concorsi ordinari docenti entro il 2021, anche DSGA. Preparati con CFIScuola!