4,42 milioni di euro dalla regione Marche per l’edilizia scolastica

di Giulia Boffa
ipsef

Regione Marche – La Regione Marche assegna 4,42 mln di euro per l’adeguamento delle scuole. Le risorse fanno parte del Programma operativo 2013, sottolinea una nota dell’ente e verranno ripartite tra i territori provinciali, 2,88 mln finanzieranno gli interventi strutturali di messa in sicurezza, mentre 1,54 mln quelli di incremento dell’efficienza energetica.

Regione Marche – La Regione Marche assegna 4,42 mln di euro per l’adeguamento delle scuole. Le risorse fanno parte del Programma operativo 2013, sottolinea una nota dell’ente e verranno ripartite tra i territori provinciali, 2,88 mln finanzieranno gli interventi strutturali di messa in sicurezza, mentre 1,54 mln quelli di incremento dell’efficienza energetica.

 In particolare alla Provincia di Ancona andranno 1,156 mln; Ascoli Piceno 0,681; Fermo 0,564; Macerata 0,920; Pesaro e Urbino 1,097. Le Province dovranno individuare gli edifici scolastici ammessi al contributo regionale. ”A partire dal 2010, gli unici programmi operativi sono quelli promossi dalla Regione, vista la difficoltà, da parte dello Stato, di avviare il Piano straordinario dell’edilizia scolastica – ha detto il vicepresidente e assessore all’Edilizia Pubblica, Antonio Canzian – La Giunta regionale ha stanziato 3,3 mln nel 2010, destinati a 13 scuole. Nel 2011, a fronte di 7,7 mln, sono stati sostenuti 21 progetti (16 gia’ avviati) per la messa in sicurezza e altri 16 per la realizzazione degli impianti fotovoltaici (tutti allacciati).

 Con questi programmi regionali si è solo parzialmente coperto il fabbisogno di innalzare il livello di sicurezza delle scuole e di migliorare la gestione energetica dei consumi. E’ necessario che lo Stato intervenga con risorse significative, perché la scuola rappresenta una priorità nazionale assoluta. Di conseguenza, quelle stanziate dalla Regione sono somme ragguardevoli, se rapportate alla cancellazione di ogni stanziamento statale per il settore e ai pesanti tagli che la legge di stabilità ha imposto anche ai bilanci delle autonomie regionali”.

 Gli oltre 4 mln del 2013 destinati all’edilizia scolastica garantiranno la messa in sicurezza, anche sismica, degli edifici; l’adeguamento alle norme; il recupero, il rinnovamento e l’ammodernamento del patrimonio immobiliare scolastico pubblico; l’efficienza energetica (tramite l’utilizzo delle fonti rinnovabili) e la riduzione delle emissioni inquinanti.

 

Versione stampabile
anief
soloformazione