4 miliardi in meno alla scuola, gran parte sul sostegno. Granato smentisce: nessun taglio

di redazione

item-thumbnail

4 miliardi di finanziamenti in meno alla scuola pubblica, questo quanto denunciato ieri dal Corriere della sera che ha analizzato l’allegato alla Legge di Bilancio 2019 approvata a dicembre 2018.

4miliardi di tagli

Secondo quanto riporta il giornale, per l’istruzione la spesa si ridurrà da da 48,3 a 44,4 miliardi nel giro di tre anni, con una riduzione delle risorse sia per l’istruzione primaria (da 29,4 a 27,1 miliardi di euro) che per quella secondaria (da 15,3 a 14,1 miliardi).

La voce che, sempre secondo il Corriere, subirà i maggiori tagli sarà il sostegno, con un miliardo nel ciclo primario, 300 milioni in quello secondario.

Di contro, contiene sempre il commento del giornale, la spesa per le pensioni, dopo quota 100, passerà da da 96,4 a 100,2 miliardi tra il ‘19 e il ‘21. 4miliardi.

Granato, nessun taglio

A rispondera è stata l’Onorevole Granato che così ha commentato le cifre: “Le spese messe a bilancio per il triennio sono solo quelle fisse, perché i posti in deroga su sostegno vengono contabilizzati di anno in anno. In questa settimana si concluderanno le audizioni per il correttivo al decreto legislativo 66/17.  Nessun taglio dunque, si correggono i danni fatti dalla Fedeli due anni fa, invece

Versione stampabile
Argomenti:

soloformazione