35 anni di Erasmus, Gozi: “Il vero obiettivo è di decuplicare le risorse”

WhatsApp
Telegram

“Il programma Erasmus+ è una delle storie di maggiore successo dell’Europa. Un moltiplicatore di opportunità che ha fatto scoprire l’Europa a milioni di giovani e li ha aiutati a capire cosa vuol dire essere realmente cittadini europei”.

Lo afferma Sandro Gozi, eurodeputato di Renew Europe e segretario generale del Partito democratico europeo, che ricorda come l’esperienza Erasmus all’Università la Sorbona di Parigi “mi cambiò la vita, fu uno stimolo per la mia curiosità, la voglia di imparare le lingue, di conoscere nuove realtà”.

Poi aggiunge: “A 35 anni dalla sua istituzione, possiamo dire senza ombra di dubbio che il programma Erasmus+ ha avuto un ruolo determinante nella costruzione della nostra comunità. Senza di esso, intere generazioni di cittadine e di cittadini probabilmente non sentirebbero così forte oggi quello spirito di appartenenza all’Europa e ai suoi valori democratici, ed essere il più fiero baluardo contro il pericolo di un ritorno degli estremismi e dei nazionalismi”.

“Per questo – aggiunge Gozi -, oggi più che mai, contro chi vuole distruggere da fuori e da dentro la nostra Europa, è necessario celebrare questo anniversario importante, ma soprattutto lavorare affinché vengano rimosse le troppe barriere finanziarie, tecnologiche e amministrative che limitano la partecipazione di molti giovani all’Erasmus+. Abbiamo raddoppiato il bilancio ed esteso il programma anche allo sport, al volontariato, al servizio civile, alla formazione professionale e all’apprendistato, ma il vero obiettivo è di decuplicare le risorse per arrivare a offrire questa esperienza a oltre 90 milioni di europei nei prossimi 30 anni. Il programma Erasmus+ è stato un punto di riferimento per la fondazione dell’Europa di oggi, dovrà essere uno dei pilastri per la rifondazione di quella di domani”, conclude.

WhatsApp
Telegram

“Come compilare il nuovo pei pagina dopo pagina”. Corso tecnico/pratico di Eurosofia a cura di Evelina Chiocca, Ernesto Ciracì, Walter Miceli