30 Giugno, Festa Nazionale del Supplente scolastico

WhatsApp
Telegram

Gruppo supplenti della Scuola per la Qualità e Dignità del Lavoro – Autoproclamiamo il 30 giugno "festa nazionale del supplente"

Gruppo supplenti della Scuola per la Qualità e Dignità del Lavoro – Autoproclamiamo il 30 giugno "festa nazionale del supplente"

Gli Amministratori del "Gruppo Supplenti della Scuola per la Qualità e Dignità del Lavoro"

Premesso:

–  che  da oltre un quarto di secolo, il 30 giugno di ogni anno numerose migliaia di docenti, collaboratori scolastici, assistenti amministrativi e tecnici finiscono il loro incarico di lavoro nella Scuola italiana ed entrano il giorno successivo nello stato di disoccupazione;

–  che  senza il contributo prestato da tutto questo personale precario, di sostegno, su posto comune, negli istituti superiori, nei convitti ed educandati, nelle segreterie e nei servizi ausiliari, lo Stato italiano non avrebbe potuto assicurare ai bambini e tutti gli altri alunni il diritto costituzionale allo studio;

–  che,  altresì, lo Stato italiano, senza i docenti di sostegno supplenti, non avrebbe potuto assicurare identico diritto costituzionale agli alunni svantaggiati;

che  i supplenti, denominati brevi, annuali, su posto vacante, su organico di diritto e di fatto, lavorano da sempre in condizioni discriminatorie rispetto ai colleghi di ruolo perché penalizzati da un Contratto Collettivo Nazionale che non prevede uguali diritti ai permessi retribuiti, all'indennità di malattia, agli scatti di anzianità, ai permessi per  formazione, ai permessi per lo svolgimento di esami presso scuole e università statali; –

che  dopo il 30 giugno di ogni anno gran parte di questi lavoratori della Scuola rimangono senza una retribuzione regolare e aspettano per mesi l'indennità di disoccupazione subendo così una grave lesione del diritto sancito degli artt. 3 e 36 della Carta Costituzionale. 

Ciò premesso,  Il Gruppo Supplenti della Scuola per la Qualità e Dignità del Lavoro  ha deciso all'unanimità di autoproclamare la giornata del 30 giugno come:  "Festa Nazionale del Supplente scolastico" e di chiedere  al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, al Presidente del Consiglio Matteo Renzi e al Ministro dell'Istruzione Stefania Giannini di introdurre questo riconoscimento ad una componente della Scuola Pubblica facendo del 30 giugno una delle date di commemorazione celebrativa a carattere nazionale.

Siamo certi che questo invito sarà preso in considerazione dai vertici istituzionali dello Stato Italiano e che, in ogni caso, sarà recepito e festeggiato da tutto il Mondo della Scuola, insegnanti, personale scolastico, genitori e studenti che ne diffonderanno il messaggio su tutto il territorio nazionale con i mezzi mediatici a disposizione. 

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur