3 miliardi di tagli alla scuola? Ministero dell’economia smentisce

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Notizia di oggi diffusa dal Sole24Ore, arriva la smentita da parte del Ministero dell’Economia, “completamente destituito di fondamento il presunto taglio delle risorse per la scuola diffuso sugli alcuni organi di stampa”.

3 miliardi di tagli

Questa mattina il Sole24Ore aveva pubblicato un articolo facendo riferimento al Documento di Economia e finanza pubblicato nei giorni scorsi dal Governo, che, a detta del giornale economico, conteneva dei tagli.

Secondo il giornale sarebbero presenti nel NADEF ben 3 miliardi di tagli rivedendo al ribasso dal 3,5 al 3,4% la spesa per l’istruzione rispetto al PIL.

I numeri sono presenti nella tabella R1, a pagina 48, dove, alla voce scuola gli stanziamenti in percentuale del Pil nel 2020 sono attesi al 3,4 per cento. Per poi calare progressivamente al 3,2% nel 2025, al 3,1% nel 2030 e al 3% nel 2035.

Ministero economia smentisce

Notizie, secondo lo stesso MEF che ha diffuso notizie tramite le agenzie, “frutto di un’errata valutazione del contenuto di una tabella della NADEF che riporta i dati delle grandi voci di spesa tendenziale, quindi, precedenti all’attuale programmazione della finanza pubblica, che risentono della dinamica demografica e che per l’istruzione sono stimate sulla base dell’elaborazione effettuata dal MIUR dei dati relativi al 2016.”

Sempre secondo il MEF, “si tratta di un’analisi che descrive le tendenze di lungo termine di queste spese in rapporto al PIL, tra cui quella relativa all’istruzione (che include anche l’università ma esclude gli asili nido e la scuola dell’infanzia) e che nulla dice sulle risorse già stanziate o che verranno appostate in bilancio”.

La tabella – precisa la fonte – “non riporta, quindi, dati di bilancio e non indica scelte programmatiche circa le risorse che il Governo stanzierà in favore della scuola”.

Versione stampabile
anief banner
soloformazione