3 insegnanti su 4 a parità di stipendio vorrebbero cambiare amministrazione statale. Sondaggio

WhatsApp
Telegram

Il sondaggio proposto su Facebook da Aldo Domenico Ficara, direttore del Network Regolarità e Trasparenza nella Scuola sulla volontà degli insegnanti di voler lasciare la scuola, per trasferirsi a parità di stipendio presso un’altra amministrazione statale ha dato dei risultati che confermano il malessere serpeggiante all’interno della categoria professionale dei docenti.

Nel testo del sondaggio si scrive: “Se esistesse un automatismo normativo che garantisse la mobilità in un’altra amministrazione statale a parità di stipendio mensile, lasceresti la scuola?”

Le risposte al quesito erano:

1. Si, perché il lavoro nella scuola non crea più stimoli professionali
2. No, perché insegnare è una missione educativa
3. Non so

Alla prima risposta hanno votato il 75% degli insegnanti (pari a circa 900 persone), alla seconda il 16% (pari a circa 200 persone) ed infine alla terza il 9% (pari a circa 100 persone , pertanto 3 insegnanti su 4 a parità di stipendio vorrebbero cambiare amministrazione statale.

Nei social si è aperta una intensa e accesa discussione e non sono mancate le polemiche sul termine “missione” usato nella seconda domanda.

Si precisa che l’indagine statistica è stata realizzata dal Network Regolarità e Trasparenza nella Scuola nel periodo che va dal 17 al 18 settembre 2022. Hanno partecipato votando 1200 insegnanti.

Il sondaggio non ha carattere di scientificità: i risultati derivano da conteggi automatici derivanti da piattaforme social.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur