Ritorno in classe, Green pass e sicurezza. Pacifico (Anief): “Tamponi salivari gratuiti per tutti e aule raddoppiate”

Stampa

Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, è intervenuto all’interno dello speciale organizzato da Orizzonte scuola Tv: “Tutti vogliamo la didattica in presenza, ma in sicurezza; sono necessari tamponi salivari per tutti, vaccinati e non vaccinati. Come sindacato abbiamo il dovere di proteggere la salute dei lavoratori della scuola e degli studenti e delle loro famiglie di conseguenza. Serve sdoppiare le classi e aumentare l’organico”.

Per rivedere lo speciale di Orizzonte scuola tv con l’intervento del presidente dell’Anief, Marcello Pacifico, cliccare qui

Oggi pomeriggio Marcello Pacifico, presidente nazionale del sindacato rappresentativo Anief, è intervenuto all’interno dello speciale organizzato da Orizzonte scuola Tv “Inizio scuola, dal green pass al protocollo di sicurezza: i nodi da risolvere”.

Hanno preso parte al dibattito Rossano Sasso, sottosegretario all’Istruzione, Antonello Giannelli, presidente ANP, Marcello Pacifico, presidente Anief e Rosolino Cicero, presidente Ancodis. Per rivedere lo speciale di Orizzonte scuola tv con l’intervento del presidente dell’Anief, Marcello Pacifico.

Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, ha sottolineato come “la norma dice che oltre al Dpcm, che manca, possono esserci ulteriori disposizioni del ministro, come la circolare che non c’è. La norma è stata impugnata da noi, stiamo infatti notificando il ricorso. La norma è illegittima. Il green pass è nato in Europa e non poteva essere obbligatorio. Qual è il fine del green pass, evitare la Dad? Ma lo sappiamo che è necessaria in zona rossa o anche arancione. Qui si sta spostando la problematica della sicurezza e del dimensionamento che è il vero problema; ricordiamo che sono tantissime le scuole non a norma e che non tengono conto delle norme sulla sicurezza. Dunque non si risolve nulla e si va contro a un regolamento dell’Europa, che detta delle regole a cui ogni Stato deve ottemperare. Manca dunque il Dpcm e i dirigenti scolastici stanno operando in maniera differente, anche attraverso la violazione di alcune leggi. Questo perché non c’è stato un adeguato dibattito, una convocazione con le parti sociali”.

A proposito dei tamponi il leader del giovane sindacato ha detto che “o è tracciamento o è a protezione e allora li devono mettere a disposizione il datore di lavoro, non invasivi e gratuiti. Tutti vogliamo la didattica in presenza, ma in sicurezza; sono necessari tamponi salivari per tutti, vaccinati e non vaccinati. Come sindacato abbiamo il dovere di proteggere la salute dei lavoratori della scuola e degli studenti e delle loro famiglie di conseguenza. Serve sdoppiare le classi e aumentare l’organico”.

Pacifico ha anche aggiunto che “la formazione deve essere un’opportunità. Mettiamola nell’orario di lavoro come servizio che deve dare lo Stato e deve essere retribuito, anche per i precari. È importante anche la formazione sulla sicurezza”, ha concluso il leader Anief.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur