Argomenti Didattica

Tutti gli argomenti

25 marzo, Giornata internazionale del ricordo delle vittime della schiavitù. Percorso didattico a partire da testi latini

WhatsApp
Telegram

La Giornata internazionale del ricordo delle vittime della schiavitù è una giornata internazionale di consapevolezza e ricordo delle vittime e dei sopravvissuti alla schiavitù. La giornata di sensibilizzazione si svolge ogni anno a marzo. Anche quest’anno si celebra il 25 marzo.

Le Nazioni Unite hanno organizzato la giornata per dare alle persone l’opportunità di onorare e ricordare coloro che hanno sofferto e sono morti a causa del sistema brutale. La Giornata internazionale della memoria delle vittime della schiavitù mira anche a sensibilizzare sul razzismo e il pregiudizio nella società odierna.

Qual è la storia della Giornata internazionale del ricordo delle vittime della schiavitù?

Il commercio transatlantico di schiavi è stato il più grande movimento forzato di persone nella storia. È anche considerato il più disumano. Il movimento forzato di persone dall’Africa verso molte aree del mondo ha avuto luogo in un periodo di 400 anni. Il più grande movimento di persone dall’Africa è stato verso le Americhe e il 96% dei prigionieri proveniva dalle coste africane. Sono stati costretti a imbarcarsi su navi anguste per i porti del Sud America e delle Isole dei Caraibi.

Dal 1501 al 1830 furono quattro gli africani che attraversarono l’Atlantico a fronte di un europeo. L’eredità di questa migrazione forzata è ancora evidente oggi perché un gran numero di discendenti africani vive in tutte le Americhe.

La prima “Giornata della Memoria”

La Giornata della Memoria è stata pensata, per la prima volta, nel 2007, dalle Nazioni Unite (ONU) per sensibilizzare e onorare le vittime e i sopravvissuti alla riduzione in schiavitù. La commemorazione delle vittime e la prima giornata internazionale è stata nel 2008, e da allora è stato un evento annuale. Un memoriale si trova anche presso la sede delle Nazioni Unite (ONU) a New York.

Qual è il tema della Giornata internazionale del ricordo delle vittime della schiavitù 2021?

Ogni anno c’è un tema per l’evento. Quest’anno il tema è “Porre fine all’eredità del razzismo della schiavitù: un imperativo globale per la giustizia”. Il tema riflette il movimento globale per porre fine alle ingiustizie derivanti dalla tratta degli schiavi. Il tema sottolinea anche l’importanza di educare le persone sulla storia del commercio transatlantico di schiavi, le persone che sono state ridotte in schiavitù, e il riconoscimento dell’impatto e degli effetti duraturi della schiavitù.

I temi precedenti sono stati “Women and Slavery”, “Breaking the Silence: Lest We Forget”, “Recognizing the Legacy and Contributions of People of African Descent”, solo per citarne alcuni.

Significato della Giornata

La Giornata “ci ricorda anche che in mezzo all’oscurità, alla malvagità, all’oppressione e all’ingiustizia della schiavitù, uomini e donne coraggiosi hanno messo a rischio la loro vita per ottenere giustizia, libertà e uguaglianza per tutti gli esseri umani. Per questo motivo, la Giornata internazionale del ricordo delle vittime della schiavitù e del commercio transatlantico di schiavi dovrebbe essere utilizzata anche per rendere omaggio ai nostri antenati e antenate che hanno sacrificato le loro vite in difesa dei valori umani fondamentali come la libertà, la giustizia, l’amore e la pace, che ci piace oggi”. È necessario, dunque, rendere omaggio a costoro perpetuando questo patrimonio e gli stessi valori nelle nostre comunità a beneficio delle generazioni presenti e di quelle future.

Abolizione della tratta degli schiavi transatlantica

Quest’anno segna il duecentoquattordicesimo anniversario dell’abolizione della tratta degli schiavi transatlantica e il ventesimo anniversario dell’adozione della “Dichiarazione e del programma d’azione di Durban (DDPA)”. Eppure, le stesse cause che producono gli stessi effetti continuano dopo tutti questi anni, segnalando che dobbiamo riaffermare i nostri impegni e aumentare i nostri sforzi per porre fine a tutte le forme di schiavitù. È davvero inaccettabile che la schiavitù continui tutt’oggi intorno a noi. Gli schiavi di oggi sono vittime del lavoro forzato, del matrimonio forzato, della tratta di esseri umani e del lavoro domestico forzato, solo per citarne alcuni. La violenza razzista e xenofoba così come gli atti di violenza nei confronti delle comunità religiose e dei gruppi etnici è stata vista da molti come atti di natura banale. Tuttavia, questi atti sono una chiara prova che i vecchi demoni sono ancora presenti. È per questo, oltre alla sua dimensione commemorativa, la Giornata internazionale del ricordo delle vittime della schiavitù e del commercio transatlantico di schiavi dovrebbe essere utilizzata come un momento di reimpegno e riflessione su come possiamo meglio adempiere al nostro dovere collettivo di proteggere e promuovere i diritti umani una realtà.

Quali risorse sono disponibili su questo argomento:

Esistono molte risorse per aiutare l’insegnamento di questo argomento.

Si potrebbe proporre un lavoro sulle parole chiave della schiavitù. Molte parole e frasi relative alla riduzione in schiavitù sono considerate. Alcune frasi usate nella storia non sono più ritenute appropriate, quindi è importante sensibilizzare gli studenti sulla natura sconvolgente dell’argomento e sul significato di ogni parola o frase e quando è stata usata.

Per i bambini si potrebbe proporre un pacchetto di attività di comprensione della lettura differenziata.

Ci sono anche cronologie della storia della schiavitù.

È molto importante riconoscere la sensibilità di questo argomento sottolineando l’importanza di aumentare la consapevolezza e il ricordo di eventuali vittime e sopravvissuti alla schiavitù. È importante spiegare e insegnare alla tua classe il razzismo e mirare a porre fine a qualsiasi ingiustizia, pregiudizio e discriminazione.

Il materiale per gli studenti

Molte attività possono essere proposte. Il Liceo Scientifico “Antonio Pacinotti” di La Spezia, diretto dal dirigente scolastico professoressa Emma Lucchini, propone attività relative all’attualità della schiavitù ma a partire da alcuni testi latini; uno splendido testo di Marco Vitelli dal titolo “Seneca sulla schiavitù. Tra slancio umanitario e difesa dell’esistente” messo a disposizione dal liceo “Federico Quercia” di Marcianise diretto dal DS prof. Diamante Marotta; e il documento “La Schiavitù” (anche in PowerPoint) messo a disposizione dall’Istituto Comprensivo G.B. Rubini” di Romano di Lombardia, diretto dal dirigente scolastico Ludovica Paloschi ed elaborato dalle insegnanti Chiara Rodolfi e Matilde Cucchi.

La-schiavitù.ppt

24.03.2021 – allegato 2- schiavitù – la schiavitù da debito e lavoro

24.03.2021 – allegato 5 – La Schiavitù

24.03.2021 – allegato 3 – La-schiavitù

24.03.2021 – allegato 4 – La-schiavitù

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito