24 ore settimanali. Fioroni: tranquilli è irrealizzabile. Maldestro tentativo di risparmiare

Di
WhatsApp
Telegram

red – L’ex Ministro Fioroni è intervenuto a Treviso all’Assemblea pubblica sui problemi della scuola italiana, organizzata dal PD, e a cui ha partecipato il Movimento docenti precari abilitati FVG. L’aumento a 24 ore delle ore settimanali di lavoro comporterebbe una riduzione del 25% dei docenti di ruolo. E’ irrealizzabile

red – L’ex Ministro Fioroni è intervenuto a Treviso all’Assemblea pubblica sui problemi della scuola italiana, organizzata dal PD, e a cui ha partecipato il Movimento docenti precari abilitati FVG. L’aumento a 24 ore delle ore settimanali di lavoro comporterebbe una riduzione del 25% dei docenti di ruolo. E’ irrealizzabile

L’intervento dell’On Fioroni ha rassicurato i docenti precari "Con dati alla mano – scrivono i docenti precari nel comunicato stampa inviato ad os.it – ha rassicurato sul fatto che l’ipotesi di un aumento a 24 ore settimanali dell’orario di lavoro dei docenti di ruolo è assolutamente irrealizzabile; si tratta infatti solo di un maldestro tentativo di cercare ulteriori risparmi a danno della scuola impossibile da mettere in pratica."

"Tale innalzamento – conclude il comunicato – comporterebbe una riduzione del 25% del corpo docente calcolato su base 500 mila, i docenti in ruolo. Siamo sulle 120-130 mila unità, con una riduzione di spesa di 5 miliardi di euro".

Ecco la bozza della legge di stabilità: dal 10 settembre 2013 orario docenti a 24 ore settimanali

24 ore per tutti, compreso sostegno e primaria. Salvi solo i docenti di religione?

24 ore lavorative. Il Ministro ha fatto un passo indietro? Pantaleo: "Solo dichiarazioni confuse"

Profumo avanti tutta, più ore di lavoro e più stipendio per chi lo vorrà, e più part-time. I tagli? Non sono così tanti. 2013 "Stati generali"

Ultima ora DDL stabilità. Cancellato blocco contratto, ma restano 24 ore

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur