24 ore. Anche la UIL in stato di agitazione: bloccare le attività non obbligatorie

WhatsApp
Telegram

red – Dopo la Gilda, anche la UIL scuola invita i docenti a prendere posizione e ad attivarsi per iniziative di pressione nei confronti del Governo. "Sarebbe un impazzimento". Spetterà al nuovo governo, nel 2013 e da libere elezioni, promuovere la nuova politica scolastica.

red – Dopo la Gilda, anche la UIL scuola invita i docenti a prendere posizione e ad attivarsi per iniziative di pressione nei confronti del Governo. "Sarebbe un impazzimento". Spetterà al nuovo governo, nel 2013 e da libere elezioni, promuovere la nuova politica scolastica.

Le iniziative suggerite dalla direzione nazionale della UIL pubblicate oggi sul sito del sindacato:

  1. Limitarsi alle attività obbligatorie previste dal contratto, astenendosi da tutti gli impegni aggiuntivi e volontari che, di fatto, fanno funzionare le scuole.
  2. Inviare lettere, mail ai partiti, al Governo, al Ministro, agli organi di stampa, alle tv, dimostrando quanto sia offensiva la proposta del Governo.
  3. Utilizzare la rete per far conoscere al Paese il grado di ingiustizia del provvedimento e per organizzare incontri, nelle diverse città italiane, nelle regioni.
  4. Diffondere la scheda, di fonte europea, sugli orari di insegnamento nei diversi paesi europei che dimostra come la norma del Governo ci porterebbe lontano dall’ Europa, minando la qualità, dell’istruzione.

"E’assurdo – dicono dal sindacato – che un Governo e un Ministro ormai a pochi mesi dal termine del mandato possano pensare di eliminare il contratto, aumentare senza retribuzione gli obblighi di servizio, ridurre di fatto le retribuzioni, rinviando la discussione al 2014".

"Nel 2013 – ricordano – ci sarà, un nuovo Governo, frutto di libere e democratiche elezioni. Solo a quel Governo spetterà di promuovere una politica, che, come UIL auspichiamo attenta ai temi dello sviluppo, del lavoro, della importanza
della scuola e della valorizzazione delle professionalizza, sensibile al ruolo del sindacato."

Scarica il documento integrale

WhatsApp
Telegram

A luglio, in tutta Italia, partecipa ai nuovi “Workshop formativi: pensare da dirigente scolastico” organizzati da Eurosofia