24 o 21 ore di servizio: la verità sui numeri dei docenti che vogliono licenziare

di Lalla
ipsef

red – Il sindacato Sisa, attraverso Davide Rossi, ci offre un quadro dei tagli che andranno a colpire scuole secondarie di I e II grado a seconda che la proposta dell’allungamento dell’orario possa essere quella di 24 ore o di 21 ore.

red – Il sindacato Sisa, attraverso Davide Rossi, ci offre un quadro dei tagli che andranno a colpire scuole secondarie di I e II grado a seconda che la proposta dell’allungamento dell’orario possa essere quella di 24 ore o di 21 ore.

Scuole medie: 145mila docenti in servizio

con il passaggio da 18 a 24 ore 36 mila espulsi dal lavoro, pari a tutti i 25mila precari, più 11mila docenti a tempo indeterminato da mettere in mobilità o in supplenza
con il passaggio da 18 a 21 ore gli espulsi sono la metà, ovvero 18mila e si salvano 7mila precari con incarico annuale per l’anno scolastico 2013/2014.

Scuole superiori: 208mila docenti in servizio

con il passaggio a 24 ore si hanno 52mila espulsioni dal mondo del lavoro, ovvero i 30mila precari al momento in servizio, più 22mila docenti di ruolo.
con il passaggio da 18 a 21 ore gli espulsi sono la metà, ovvero 26mila, salvando 4mila incarichi annuali di supplenza.

Il SISA informa quindi che il 27 ottobre parteciperà a Roma al NoMontiDay, inoltre per il 14 novembre è prevista una giornata di lotta e studenti, precari che non riescono a lavorare, disoccupati, non solo del SISA

Versione stampabile
anief anief
soloformazione